Home Cronaca di Torino Gaia, la maga torinese 13enne che conquista l’Italia

Gaia, la maga torinese 13enne che conquista l’Italia

4
SHARE

Si chiama Gaia Elisa Rossi. Ha 13 anni, fra poco finirà le scuole medie e andrà alle superiori.

Fin qui, niente di strano.

_DSC1161

Aggiungiamo qualche dettaglio: Gaia è un’amante della magia.

Siamo ancora riduttivi. Spieghiamola tutta: lo scorso 23 marzo la giovane di Torino si è laureata, nella cornice dell’Auditorium Paganini di Parma, campionessa Italiana di magia.

E si è trattato non di una, ma di due prime volte: Gaia è infatti la prima donna a qconquistare questo titolo. Ed è anche la prima tredicenne. Non era infatti questa una competizione juniores, ma era la Gara, quella con la G maiuscola.

La manifestazione è stata organizzata da “Masters of Magic”, in collaborazione con l’assessorato al turismo parmense. Gaia è iscritta al “Club Amici della Magia Torino“, è figlia di due appassionati di magia, ma non solo, come racconta lei stessa: “In famiglia si coltiva la passione per la magia, ma anche per il teatro e la danza. Non a caso nei miei numeri fondo la magia in senso stretto alla danza”.

Una passione che parte da lontano, appunto dalla famiglia: “Sono cresciuta in questo ambiente, e per me è stata una passione da sempre. Mi alleno molto, da una a tre ore al giorno, in uno spazio della mia casa molto adatto per provare i numeri. Reputo la disciplina della magia un’arte completa, perché unisce lo spettacolo a una caratteristica per me importante: toccare il cuore della gente”.

E’ proprio questo che, secondo Gaia, le è valso il titolo nazionale: “Credo che la mia esibizione di Parma sia stata la migliore della mia vita. Forse per la prima volta ho sentito il pubblico partecipe in modo intenso con me, ed è stata una grande emozione in primis per me. Sono cose che ti fanno capire che non hai lavorato invano”.

Correlato:  CIE: una bomba accesa nel cuore della città

_DSC1138

Il numero proposto da Gaia si chiama “Imorfosi”. “Volevo raccontare la condizione umana, e in particolare dei giovani, in questa società. Dentro l’esibizione c’è molto, la voglia di realizzare i propri sogni, di uscire dalle costrizioni”.

Insomma, avete presente i conigli dal cappello? Dimenticateli.

Gaia ha un approccio serissimo all’arte magica: “Come ho detto è una disciplina completa, che richiede molto allenamento. Io ho la fortuna di avere grandi maestri, come Natalino Contini, Pino Rolle e Tiziano Berardi, che mi hanno seguito e mi seguono nel mio percorso. E poi, logicamente, ho i miei modelli, su tutti Walter Maffei e Shezan (Alex de Bastiani), che conosco personalmente e che rappresenteranno l’Italia ai Mondiali”.

_MG_8088

Parla come una professionista, Gaia, ma d’altronde non dimentichiamoci che siamo di fronte a una campionessa italiana. “Certo, mi piacerebbe fare la maga ‘da grande’, ma di questi tempi devo pensare anche ad altre eventualità: l’anno prossimo frequenterò il Liceo Classico indirizzo comunicazione. Se nella mia vita non farò la maga di professione mi piacerebbe comunque lavorare in ambito comunicativo, che è per me una sorta di vocazione”.

 

Andrea Besenzoni

(Seguici su Facebook)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here