Home Cronaca di Torino Triste primato per Torino e il Piemonte: record di cassa integrazione

Triste primato per Torino e il Piemonte: record di cassa integrazione

3
SHARE
Triste primato per Torino e il Piemonte: record di cassa integrazione
Triste primato per Torino e il Piemonte: record di cassa integrazione

La città  di Torino e la Regione hanno raggiunto il primato di cassa integrazione in Italia

Non sempre raggiungere un primato può essere motivo di orgoglio; anzi, in alcuni casi è proprio la detenzione di un nuovo record a lanciare un forte campanello d’allarme. E’ il caso della città di Torino, che nei primi due mesi del 2015 risulta essere la città con la più alta percentuale di cassa integrazione in Italia.

Il totale delle ore richieste si aggira su circa 10 milioni di ore richieste tra gennaio e febbraio 2015. A seguire ci sono le città di Brescia e Milano, con un totale rispettivamente di 6,4 e 6,2 milioni. A livello nazionale, invece, le ore sono state di ben 17 milioni (rilevando un calo di 10 punti rispetto al 2014).

Rispetto allo scorso anno, inoltre, a livello nazionale il primo bimestre del 2015 ha visto 109 milioni di ore di cassa integrazione, con un calo del 41.3% rispetto ai primi due mesi del 2014.

In Piemonte, invece, il calo è pari a circa il 10%. Nella nostra regione, sono in calo soprattutto due tipi di casse, quella ordinaria e quella in deroga (quest’ultima ha realizzato un -88% sul bilancio).

Torino è la città più cassaintegrata, calando di 12.3 punti.Al momento, se in Piemonte c’è una leggera diminuzione della richiesta, cresce la richiesta per la cassa straordinaria (+18.5% nella regione).

Se Torino è la prima città in Italia, il Piemonte è invece la seconda regione a detenere il primato.

Per quanto riguarda le industrie, le domande sono crescite di circa il 6%; al contrario, l’edilizia vede un calo pari a 45,9%, il commercio 62,2 e l’artigianato 87.2%.

Correlato:  Elisoccorso: da settembre anche di notte

Si spera in una potenziale ripresa, nonostante fare previsioni sia tuttora molto rischioso e ad esito incerto. Soprattutto, è necessario comprendere quali siano le cause del crollo della cassa in deroga.

 

Giulia Porzionato

(Seguici su Facebook!)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here