Home Cronaca di Torino Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall’apertura

Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall’apertura

5
SHARE
Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall'apertura
Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall'apertura

La clessidra sta per svuotarsi, il conto alla rovescia sta per finire: il prossimo 1 aprile riaprirà il Museo Egizio in tutto il suo splendore.

Una riapertura attesa da tempo, visto che i lavori per ampliare l’esposizione (la più grande d’Europa) sono iniziati oltre cinque anni fa, nell’autunno del 2009.

Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall'apertura
Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall’apertura

L’ampliamento degli spazi espositivi è stato reso possibile dal trasloco della Galleria Sabauda, che ha trovato casa nella manica nuova di Palazzo Reale. In questo modo, l’Egizio ha potuto passare dagli originari 6400 a oltre 12mila metri quadri.

Con l’intero Palazzo dell’Accademia delle Scienze a disposizione, il direttore Christian Greco e i sette curatori a sua disposizione hanno potuto sbizzarrirsi. Stravolto, dunque, l’allestimento ottocentesco tutto teche e vetrine che per decenni è stato caratteristico del Museo. Il nuovo Egizio è un museo archeologico di ultima generazione, distribuito su quattro piani collegati grazie a scale mobili ambientate. A firmare l’allestimento dal punto di vista artistico, lo scenografo premio Oscar Dante Ferretti.

Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall'apertura
Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall’apertura

Il Museo, inoltre, aggiungerà ai 6500 reperti attualmente a disposizione una parte dei 26mila pezzi custoditi per ora in magazzino. In gran parte si tratta, però, di frammenti che hanno un valore soprattutto storiografico, e che gli studiosi potranno continuare a consultare.

Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall'apertura
Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall’apertura

Il restyling completo del Museo ha richiesto un totale di 1080 giorni di lavoro, a cui hanno collaborato ben 110 maestranze. Un altro dato significativo sono i 160mila metri di cavi elettrici utilizzati nel rifacimento del museo, segno evidente della modernizzazione operata. Per realizzare il tutto sono stati necessari oltre 50 milioni di euro, raccolti accordando le tre amministrazioni locali (Comune, Provincia e Regione), Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT.

Correlato:  Street art, Torino diventerà la città dei murales?
Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall'apertura
Il nuovo Museo Egizio è a un passo dall’apertura

Il museo Egizio non apparirà nuovo solo negli allestimenti: già nel periodo dei lavori, infatti, é stato fatto un grande passo avanti per trasformare il vecchio museo in un’attrazione si sapore europeo.

Orario continuato, personale più informato, servizi come il deposito bagagli e il bookshop  sono solo alcuni dei valori aggiunti. Particolare valore è stato dato al l’accessibilità, con audio guide in moltissime lingue, tra cui l’arabo, mentre tra le novità ci c’è un percorso botanico museale curato dall’architetto Paolo Peyrone.

Giulia Ongaro

(Seguici su Facebook!)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here