Home Teatro Il sogno di don Bosco (ancora una volta) in musical

Il sogno di don Bosco (ancora una volta) in musical

9
SHARE
Don Bosco

 

Nell’anno del bicentenario dalla nascita di San Giovanni Bosco (1815-2015), Accademia dello Spettacolo mette in scena al Teatro Colosseo un’inedita versione della vita del santo sociale, riconosciuto come “padre, maestro e amico dei giovani”.

Solo chi sogna è un’opera originale scritta e diretta da Mario Restagno con musiche di Walter Orsanigo e Paolo Gambino, coprodotta con la società cooperativa Teatro dei Sogni. Le coreografie sono firmate Lucia Carnevale, la scenografia è di Paolo Vallerga, mentre Angelo Fernando Galeano cura la preparazione vocale.

L’epoca vissuta da don Bosco fu, per certi versi, simile a quella che i giovani vivono oggi. Nel 1845 il mondo stava cambiando: con la rivoluzione industriale in atto, non era facile capire quale futuro si stava preparando. Oggi viviamo un tempo di cambiamenti sociali, tensioni e conflitti internazionali e la crisi dell’occupazione si ripercuote sui giovani demolendo certezze e speranze per il futuro. Lo spettacolo intende riflettere su un uomo che ha affrontato il suo tempo e le sue paure, vivendo la fame, il dolore, la perdita, ma che ha saputo trarre da esse la determinazione per proseguire la sua strada, nonostante le numerose difficoltà.

Tutt’altro che un’opera celebrativa, “Solo chi sogna” propone una rilettura della storia di don Bosco  da un punto di vista non consueto, evidenziando inadeguatezze e irregolarità del sistema educativo del tempo.

Un’opportunità per i giovani di prendere consapevolezza del loro valore all’interno società e, per gli adulti, di riflettere sull’importante ruolo che rivestono come modello in grado di trasmettere ai giovani la speranza per il futuro.

Michele Carfora vestirà i panni di Don Bosco e a Valentina Gullace, nel ruolo di Ravveduta, è affidato il compito di raccontare la sua storia. Special guest, Franco Travaglio interpreterà il viscido Mello, tirapiedi dell’Antagonista (Luca Maggiore), colui che, di volta in volta, rappresenta i poteri clericali e politici che si oppongono al cambiamento. Completano il cast 20 giovani artisti.

Correlato:  Turismo, la Cina premia Torino e la Reggia

Doppio appuntamento venerdì 20 marzo con una recita per le scuole (già sold out) e una rappresentazione serale alle ore 21.

INFO E PREVENDITA
Accademia dello Spettacolo
Via Luserna 16, Torino
011.4347273

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here