Home Storia 12 marzo 1921 nasceva Gianni Agnelli, l’Avvocato

12 marzo 1921 nasceva Gianni Agnelli, l’Avvocato

12
SHARE
12 marzo 1921 nasceva Gianni Agnelli, l'Avvocato

Tra le ricorrenze e le personalità che hanno reso Torino grande e hanno visto crescere la sua storia, non va senz’altro dimenticata la data di oggi, ossia il 12 marzo di ben 95 anni fa.

Nel lontano 1921 infatti nasceva Gianni Agnelli, l’imprenditore, politico e senatore a vita italiano che è stato ai vertici della Fiat dal 1966 e che tanto ha fatto parlare di sé prima e dopo la sua dipartita. Soprannominato “l’Avvocato” per la sua laurea in Giurisprudenza nonostante non avesse mai esercitato la professione, Gianni Agnelli è stato uno dei più importanti personaggi del XX secolo torinese e italiano.

Nonostante ci abbia lasciati nel gennaio del 2003 infatti, Gianni Agnelli viene ancora ricordato dai torinesi come una figura importante, che ha lasciato un segno sulla nostra città, modificando la produzione e il ruolo della FIAT sul territorio nazionale e internazionale.

Quando negli anni ’60 salì al timone dell’azienda, Gianni Agnelli cambiò una situazione che da più di vent’anni vedeva la FIAT impegnata sul fronte automobilistico, marittimo e aereo. Egli seppe scorporare l’azienda in maniera da porre la produzione delle automobili al centro dello stabilimento di Torino, tanto che, proprio in quegli anni, acquisì anche la Ferrari e l’elegante marchio Lancia.

12 marzo 1921 nasceva Gianni Agnelli, l'Avvocato

Tutta la carriera dell’Avvocato all’interno della FIAT è stata un susseguirsi di progetti, idee e successi uniti a periodi di crisi, talvolta strutturali e interni alla produzione e all’organizzazione, ma spesso contingentali e legati ai vari periodi storici che l’azienda si trovava a dover affrontare.

L’apice dei suoi progetti d’industrializzazione si sarebbe poi visto appieno solamente con il nuovo millennio, con l’accordo stipulato con la General Motors americana.

Nonostante se ne sia andato da più di 10 anni, Gianni Agnelli ha lasciato un segno alla Torino che oggi conosciamo, operando su quella città che ancora non aveva ospitato le Olimpiadi, non si era cimentata nell’impresa di diventare “smart” e non rincorreva la cultura e lo sport.

In quello che sarebbe stato il suo novantaquattresimo compleanno, ricordiamo un personaggio storico che ha cambiato profondamente la storia della Torino industriale e che ha preparato il terreno a quella che oggi conosciamo.

Francesca Palumbo

(Seguici su Facebook!)

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here