Home Innovazione Docsity, il sito torinese che ha rivoluzionato il mondo universitario

Docsity, il sito torinese che ha rivoluzionato il mondo universitario

44
SHARE
Docsity, il sito torinese che ha rivoluzionato il mondo universitario

Una piattaforma virtuale in cui scambiarsi gratuitamente appunti universitari, chiedere consigli sui corsi che si frequentano, poter raffrontarsi con le esperienze degli altri studenti ed essere, quindi, facilmente in contatto col il mondo universitario: tutto questo è Docsity, il sito peer to peer che ha cambiato il modo in cui approcciarsi al percorso e agli esami universitari, non in italia, ma in tutto il mondo.

Un’idea nata a Torino, ma che nel giro di pochi anni è diventata un’importante realtà a livello mondiale che vede, ogni giorno, la partecipazione di decine e decine di migliaia di studenti provenienti da quasi tutti i continenti.

L’idea di sfruttare il mondo di internet per creare una sinergia tra gli studenti delle facoltà per agevolare lo studio e la diffusione della conoscenza è di Riccardo Ocleppo, giovane ingegnere gestionale laureatosi al Politecnico di Torino, che in prima persona ha avuto l’esigenza di ricercare materiale universitario sul web, ma senza troppo successo.

<Tutto è nato quando ero in procinto di laurearmi nel 2010 – spiega Riccardo- ed allora mi sono accorto sulla mia pelle della mancanza di una piattaforma globale in cui andare a ricercare gli appunti e i documenti sul percorso di studi che stavo completando>.

Docsity, il sito torinese che ha rivoluzionato il mondo universitario
Lo staff “torinese” di Docsity

E così l’esigenza di trovare materiale didattico in maniera gratuita e libera per i propri fini si è trasformata in un’idea rivoluzionaria che adesso è diventata una realtà leader a livello mondiale.

Pochi migliaia di euro investiti per la creazione di un sito internet, inizialmente neanche troppo strutturato, una semplice campagna di marketing, ma vincente, sul territorio ed in pochi mesi Docsity è così cominciato a diventare un punto di riferimento per gli studenti dell’Università di Torino espandendosi, poi, velocemente prima a Milano e poi in tutta Italia.

Correlato:  Gtt, addio carta: tutti gli abbonamenti sono elettronici

<I primi appunti che abbiamo condiviso sul portale sono stati i miei, insieme a quelli di altri amici che frequentavano altre facoltà a Torino – ricorda sorridente Riccardo – Da lì in poi, abbiamo capito che il progetto funzionava e poteva avere un futuro. Insomma, l’idea era vincente e che quindi sarebbe valsa la pena investire tempo ed energie e cominciare a strutturarsi su altre città>.

Sì, perchè come spiega il fondatore non è necessario avere fondi illimitati per realizzare una start up prima, ed un progetto funzionale dopo. Bisogna però avere le idee chiare su cosa si vuole fare ed ottenere e soprattutto credere in pieno in quello che si fa.

Docsity, infatti, nel giro di pochi anni è diventato una realtà che si è sviluppata in tutta Europa, nonchè  nell’America del nord e in molti paesi latini.

Un servizio offerto in numerose lingue differenti ( Inglese, francese, tedesco spagnolo, portoghese, serbo, polacco e russo ) che vanta oltre un milione e mezzo utenti registrati e più  di 60.000 visitatori giornalieri, in cui gli studenti condividono la propria esperienza didattica, scambiando documenti ed appunti e condividendo informazioni e metodi per migliorare la propria preparazione.

Una crescita esponenziale che ha fatto sì che Docsity si trasformasse nel breve termine in un vero e proprio network globale,riuscendo ad oggi a differenziare i servizi offerti.

Docsity: Docsity, il sito torinese che ha rivoluzionato il mondo universitario

Oltre infatti, al sito principale (Docsity.com)  dove il 99% dei contenuti sono user generated ( ovvero creati e condivisi dagli utenti) sono nati altri due siti paralleli  it.doc4sale.com e www.doc4job.com.

Il primo è un progetto di editoria sociale: un marketplace in cui studenti e professionisti possono vendere i documenti di cui possiedono la totale proprietà intellettuale( tesi di laurea, tesine di maturità, documenti per lo studio e video tutorial in format digitale.) Attivo da circa un anno, ad oggi conta più di 4.000 “venditori” e 9.000 articoli disponibili relativi ad agraria, architettura, biologia e chimica, economia, fisica, giurisprudenza, informatica, ingegneria, lettere e comunicazione, lingue, management, matematica, medicina e farmacia, psicologia e sociologia, scienze della formazione, scienze motorie, scienze politiche, storia e filosofia e altro.

Correlato:  Pagamenti via smartphone: futuro o realtà quotidiana?

Mentre il secondo, www.doc4job.com, è una piattaforma di “social job” dedicata ai giovani laureati e diplomati che si affacciano al mondo del lavoro, promuovendo l’interazione tra domanda e offerta.

Insomma, il network Docsity è un progetto vincente  nato all’ombra della Mole che è in continua espansione e che oggi può contare sulla presenza di un team fisso di lavoro di 10 persone – tutti giovani torinesi, sotto i 28 anni, laureati all’università Torino –  ma che non si pone limiti per riuscire ad agevolare e migliorare il mondo dell’apprendimento mondiale. Insomma, un ennesimo vanto per la nostra città.

 

La Redazione di Mole24

(Seguici su Facebook!)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here