Home Cronaca di Torino Expo, il Piemonte cerca turisti

Expo, il Piemonte cerca turisti

0
SHARE

A pochi mesi dallo start di Expo si stringono i rapporti fra la Lombardia e le regioni limitrofe. Obiettivo: turisti.

Come segnala il Sole 24 Ore, Josep Ejarque, direttore generale di Explora (la società che fa capo alla Camera di commercio di Milano, a Expo 2015, alla Regione Lombardia e ad Unioncamere Lombardia), sta stringendo accordi con i territori che avranno l’opportunità di accogliere parte del turismo in arrivo per la grande kermesse che inizia a maggio.

Expo 2015, focus sul grande evento che si avvicina

Ed è quasi logico che il Piemonte sia in prima fila: Ejarque ha una certa esperienza di grandi eventi, e anche con Torino essendosi occupato di Olimpiadi, da Barcellona ai giochi invernali del 2006.

«Per il Piemonte l’Expo singifica un interesse espresso dall’11% dei turisti in arrivo dai Paesi dell’Unione europea e dal 20% di quelli provenienti dall’area extra Ue».

Altri dati? Il 63% dei 20 milioni di visitatori (12 milioni di italiani), dormirà almeno una notte nella zona dell’Expo. La sola Torino può intercettare il 10-14% di questi visitatori.

Insomma i numeri ci sono eccome: solo il turismo può portare, in totale, ricadute di 10 miliardi di euro.

Il Piemonte quindi si muove, con Booking Piemonte, il portale istituzionale che con Wonderfulexpo2015.info sito satellite di Expo che collabora con Booking Piemonte e Unioncamere Piemonte.

Expo 2015: dismissioni Comunali per migliorare il look di Torino ?

Con una grande differenza rispetto a un evento come quello a cinque cerchi: «Per le Olimpiadi – ha spiegato Ejarque al Sole- la parte di turismo famigliare, da intercettare, era minima; la quota più consistente era rappresentata da camere d’hotel prenotate e pagate dal Toroc e dagli sponsor delle federazioni. Per Expo è il contrario. Meno del 20% dei turisti saranno di tipo “istituzionale”, gli altri sono turisti “famigliari” che non accettano rincari privi di senso e che si attendono pacchetti turistici interessanti a costi accessibili».

Correlato:  "Vai in bici, che ti fa bene". Forse.

Insomma, i turisti in qualche modo occorre attirarli sotto la Mole.

Serena Fabrizio

(seguici su FACEBOOK)

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here