Home Cronaca di Torino Breve storia dei terremoti a Torino

Breve storia dei terremoti a Torino

416
SHARE
i terremoti a torino
i terremoti a torino

Spesso quando leggiamo o sentiamo una notizia che riguarda qualcosa di brutto , che sia un delitto o una catastrofe, ci capita di avere l’impressione che l’evento sia lontanissimo e che non ci raggiungerà mai. Ciò è tanto più vero quando si parla di un evento che ci fa molta paura, come i disastri naturali; nello specifico rientrano i terremoti.

Quando si tratta di quantificare questi fenomeni di solito si usano due parametri di misurazione: la scala MCS (Mercalli – Cancani – Sieberg, dai suoi studiosi) misura gli effetti locali  e i danni che il sisma produce, la scala Richter indica invece l’intensità misurata dalla magnitudo.

 

i terremoti a torino

 

Benché Torino non sia considerata una zona soggetta a scosse sismiche particolarmente pericolose, ovvero che superino il grado 5, la sua storia non è completamente priva di movimenti tellurici.

L’ultima scossa significativa risale al 25 luglio 2011, di magnitudo 4.3, sentita in tutto il Piemonte ed anche in Valle d’Aosta e in Liguria. Lo spavento fu grande ma i danni in città si limitarono ad alcune crepe in un palazzo di corso Vercelli, mentre si staccarono alcuni macigni dalle montagne in prossimità della Sacra di San Michele, sfiorando senza danni un edificio utilizzato per convogliare l’acqua potabile per l’ occasione fu fermata la circolazione ferroviaria verso Modane e Torre Pellice ma solo a scopo precauzionale.

 

i terremoti a torino
 

Per trovare altri terremoti di simile entità che interessino la provincia di Torino bisogna fare un giro in Val di Susa e scorrere le pagine di un ipotetico calendario secolare fino al 1995, quando la terra ha tremato con epicentro vicino Avigliana per una scossa di 4.1, poi al 1990  e ancora 1980 (Giaveno).

Correlato:  Torino, una delle città meno in forma d'Italia

Non è quindi il caso di informarsi per un rifugio anti-sismico: è’ necessario tornare al 1914 per ricercare un altro sisma simile, mentre per uno che superi il 5 bisogna tornare addirittura al 1808, quando in valle Pellice se ne verificò una scossa del 5.67.

Altre scosse da ricordare poi risalgono al 5 gennaio del 1980 , quando 34 anni un sisma di magnitudo 4.7 della scala Richter  con epicentro in val Sangone, fece tremare Torino per oltre un minuto, ma per fortuna senza provocare ingenti danni nè feriti

 

Daniele De Stefano

 

(Seguici su Facebook )

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here