Home Cronaca di Torino Automotoretrò, un successo anche quest’anno

Automotoretrò, un successo anche quest’anno

SHARE
Automotoretrò, un successo anche quest'anno
Automotoretrò, un successo anche quest'anno
Tempo di lettura: 2 minuti

Si fregano le mani gli organizzatori di Automotoretrò 2015, che già lo scorso anno aveva sfondato quota 50 mila visitatori e che nell’edizione iniziata venerd’ e conclusa ieri ha sfondato il tetto dei 60 mila,

Un aumento di quasi il 20%, che fa esultare Bea srl e con GL events Italia – Lingotto Fiere, che hanno dato vita alla kermesse.

Automotoretrò, un successo anche quest'anno

 

Molti gli stranieri, provenienti da Francia, Inghilterra, Germania e Svizzera. E non mancano i grandi numeri: in uno spazio espositivo da 100 mila metri quadri sono stati accolti  1200 espositori e ben 3000 veicoli, a dimostrazione non solo di come l’auto de’epoca abbia sempre un fascino irresistibile, ma anche di come alcuni mercati non crollano, nonostante la crisi.

 

“Siamo soddisfatti – afferma Beppe Gianoglio organizzatore di Automotoretrò –  Abbiamo avuto un incremento di pubblico e di espositori, che hanno confermato la loro soddisfazione sotto il profilo sia commerciale che di visibilità. Siamo felici che l’iniziativa continui ad attrarre addetti ai lavori, così come appassionati e gente comune. Ancora una volta la Città di Torino si conferma capitale del motorismo storico, ma non solo.

Automotoretrò, un successo anche quest'anno

Anche Automotoracing si sta affermando come vero e proprio punto di riferimento per gli amanti delle corse. Da domani inizieremo a lavorare alla prossima edizione, che ci auguriamo possa essere ancora migliore.”

Correlato:  Turin Tap Festival, a Torino tutto il mondo balla Tip Tap

 

Una kermesse che non ha ospitato solo vetture in esposizione, ma parecchie premiazioni sportive, e un test di beneficenza, svoltasi ieri mattina. I bambini dell’ospedale Regina Margherita hanno avuto modo di effettuare un test in pista, su 500 storiche e nuove 500 abarth.

Il tutto reso possibile da CASA U.G.I. (Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini) e l’ospedale stesso.

La Redazione di Mole 24

(Foto di Ermanno Frassoni)

 



Commenti

SHARE