Cioccolato, una tradizione piemontese

Cioccolato, una tradizione piemontese

2
SHARE
Cioccolato, una tradizione piemontese Torino
Cioccolato, una tradizione piemontese Torino

Come accennato in una precedente puntata, la cioccolata o il cioccolato sono parte fondamentale della tradizione dolciaria torinese e piemontese. Infatti, oggi ne ripercorreremo la storia in modo più approfondito.

Giunto dal Nuovo Mondo presso la corte di Carlo V negli anni Venti del Cinquecento, fin da subito fu apprezzato in forma liquida, come per l’appunto veniva abitualmente bevuto dagli indigeni americani, dalla corte, dal clero e dai nobili.

E’ già a nostra conoscenza il fatto che l’introduzione del cioccolato a Torino, avvenne nel 1587 con le nozze del Duca Carlo Emanuele I, figlio di Emanuele Filiberto, e Caterina, figlia di Filippo II di Spagna.

A partire da quel momento, la cioccolata si diffuse nei salotti del capoluogo subalpino e divenne la tipica bevanda da compagnia.

Tuttavia, come nel resto d’Europa, la cioccolata rimase relegata alle élite cittadine e religiose. Addirittura, da un punto di vista metaforico, la cioccolata incarnava simbolicamente l’oziosità dell’aristocrazia, contrapposta all’attivismo dell’emergente classe borghese.

Cioccolato, una tradizione piemontese

A fine Settecento vennero aperte le prime fabbriche impegnate nella produzione di cioccolato. Per esempio, la ditta Caffarel aprì un proprio stabilimento in regione Valdocco, nei pressi del canale Pellerina della Dora Riparia, in modo da sfruttare l’azione dell’acqua. Successivamente, a inizio Ottocento, si costruirono i primi macchinari per la produzione del cioccolato. Alcuni dati dell’epoca riportano che nel 1823 a Torino, erano presenti quindici fabbricanti di cioccolata, con alle proprie dipendenze da uno a quattro operai.

Principalmente venivano prodotti due tipi di cioccolato: uno aromatizzato alla vaniglia e uno alla cannella.

Con l’industrializzazione, il consumo del cioccolato si diffuse anche nella classe borghese e popolare. A partire da metà Ottocento e nel corso del Novecento, sono sorti diversi laboratori, artigiani e industrie dolciarie specializzati nella produzione del cioccolato.

Correlato:  Un ristoro natalizio in stile Liberty

Oggi Torino e il Piemonte sono fra i maggiori produttori di cioccolata in Italia e molti prodotti tipici, di cui parleremo nelle prossime “dolci” puntate, sono a base di questo prezioso prodotto.

 

Clara Lanza

LEAVE A REPLY