Home Cronaca di Torino Porta Nuova diventa un mercatino

Porta Nuova diventa un mercatino

15
SHARE
Porta Nuova diventa un mercatino Torino
Porta Nuova diventa un mercatino Torino

C’ era una volta la stazione ferroviaria, brutta, pericolosa, trascurata, meta di arrivo e partenza, un luogo di “confine” che tutti i genitori vietavano categoricamente ai propri figli di passarci anche solo da lontano.

E c’è la nuova “Porta Nuova”, moderna, trasformata in un centro commerciale, con il servizio di vigilanza privata, fast food, grandi marche di abbigliamento, bar e… mercatino di Natale!

Già, la voglia di Natale contagia anche la vecchia stazione, e al suo interno hanno trovato spazio il classico albero di natale con i vari desideri dei viaggiatori, ma anche vari banchetti che offrono cibo, attraverso una riproduzione dei classici mercatini invernali delle zone alpine.

Porta Nuova diventa un mercatino Torino

Sono comparsi da pochi e giorni, e resteranno li fino al 20 gennaio del prossimo anno e dispongono di una grande varietà di prelibatezze tipiche delle varie ragioni italiane.

Appena entrati nell’atrio principale ( emergendo dalla metropolitana o entrando da corso Vittorio il risultato non cambia ), si è invasi dal tipico odore dei formaggi sardi, che inebriano le persone che di li si trovano a passare, di fronte possiamo trovare specialità siciliane, dolci e salate, che ci fanno ricordare il calore delle regioni meridionale, che sotto natale è particolarmente vivo.

Inoltre nei banchi vicini possiamo trovare i tipici cuneesi, taralli di vari gusti, salami, vini e specialità pugliesi, e calabresi oltre che piemontesi.

Porta Nuova diventa un mercatino Torino

Infine davanti ai binari centrali, sorgono gli ultimi stand che promuovono i prodotti del Trentino Sud Tirol proponendo speck, salsicce, dolci ma anche mele della famosa Val di Non.

Insomma, un bel modo per poter promuovere e pubblicizzare le prelibatezze che vengono prodotte nel nostro paese, far rivivere quell’ atmosfera natalizia anche a chi non può andare a respirarla nei paesi di montagna, e per creare un po’ di lavoro, che specialmente sotto natale è il regalo più bello che si possa ricevere.

 

Alessandro Rigitano

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here