Home Urbanistica 2018: in treno alle Gru?

2018: in treno alle Gru?

57
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

E’ più che un’ipotesi, anche se non ancora qualcosa di concreto.

Alle Gru si potrebbe arrivare in treno, da Orbassano o da Torino. Questo si sa, anche se non viene urlato ai 4 venti, da febbraio, quando è stato siglato un importante accordo di programma che definisce e finanzia le opere infrastrutturali necessarie per l’attivazione della linea SFM5 Orbassano – Torino Stura.

Un’accordo da diciotto milioni e mezzo di euro, un’opera di grande importanza strategica, dato che oltre a collegare il nord e il sud di Torino di fatto sarebbe la prima opera connessa alla futura realizzazione della nuova linea ferroviaria Torino – Lione.

L’accordo, oltre a prevedere una serie di opere infrastrutturali, che si prevede concluse fra 4 anni, data in cui prenderà il via ufficialmente la linea Sfm5 (nel dettaglio viene programmato l’itinerario interno allo scalo merci di Orbassano, la fermata “Orbassano / Ospedale S.Luigi”, le opere per mettere in sicurezza il Movicentro e l’accesso alla fermata “Ospedale S. Luigi” di Orbassano), ha un’importante nota legata alle Gru, come si diceva.

Le Gru: si arriverà anche in treno Torino servizio ferroviario metropolitano

Viene infatti previsto lo studio di fattibilità e la progettazione preliminare per una fermata, nominata “Borgata Quaglia / Le Gru” di Grugliasco”.

Secondo il comunicato stampa, si parla di un’ “Opera che risulta necessaria in quanto localizzata nel comune di Grugliasco, caratterizzato da un elevato livello di urbanizzazione.

Correlato:  Domani strade chiuse e modifiche e per i mezzi pubblici per un corteo in centro a Torino

Nell’ambito si trovano inoltre alcuni (attuali e/o potenziali) attrattori: l’area commerciale Le Gru – ex Ikea, nella quale si è riscontrato un afflusso annuo di 12.000.000 visitatori (con minimo di 25.000 e un massimo di 70.000 giornalieri)”.

E poi vengono nominate tutte le aree di interesse legate alla stazione, come il simulatore di caduta libera nel vuoto, Decathlon, il complesso sportivo del Barocchio, e l’area un tempo occupata dall’Ikea.

Tutte motivazioni che sembrano più che sufficienti, se non per partire subito con i lavori, almeno per capire se si possano fare e quindi progettarli.

 

A.Bes.

(Siamo anche su Facebook, seguiteci per restare sempre informati!)



Commenti

SHARE