Home Cronaca di Torino 2012 e 2013: anni d’oro per il turismo a Torino

2012 e 2013: anni d’oro per il turismo a Torino

4
SHARE

Non servono per forza i grandi eventi per portare i turisti a Torino.

O meglio: non servono più. Basta, si fa per dire, disseminare la stagione di appuntamenti, mostre, kermesse, saloni, eventi sportivi, concerti.

E il gioco è fatto.

Questo si evince dai dati del portale regionale Piemonte Turismo, che qui analizza le ultime stagioni turistiche, dal 2004 al 2013.

Oltre alla logica e attendibile impennata del 2006, anno olimpico, e alla conferma del biennio 2010-2011, in cui si celebrò il 150′ anniversario dell’Unità d’Italia, colpisce come due anni di punta siano stati proprio gli ultimi 2: il 2013 e il 2014.

Tre milioni ottocentomila presenze nel 2012, centomila in più l’anno dopo, dato che supera i due anni indimenticabili di cui sopra (2006 e 2011), e che quindi pare in rialzo.

Stesso discorso dicesi per gli arrivi in città: il 2012 e il 2013 stavolta sono stabili, con un milione e mezzo di presenze.

Attenzione: nel 2006 furono 1 milione e centomila, trecentomila in più per il Centocinquantenario.

Insomma, traducendo in una sola frase, Torino si conferma stabilmente polo turistico piemontese, e soprattutto italiano, con un calo di arrivi stranieri lo scorso anno rispetto al precedente, ma poco male.

Dall’Italia si continua a viaggiare sotto la Mole, eccome. E non solo per assistere a big events: un dato su cui riflettere, con il sorriso sulle labbra.

 

Redazione Mole 24

Commenti

Correlato:  "Riabilitazione e manutenzione delle dighe": a Torino il convegno sulla sicurezza idrica

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here