Home Ambiente Inquinamento, Pianura Padana maglia nera

Inquinamento, Pianura Padana maglia nera

19
SHARE

L’inquinamento uccide, e questo lo sanno in tanti. Quando però arriva uno studio che racconta nel dettaglio quanto, non si può non rimanere sconcertati.

La Pianura Padana, che da Torino nasce per estendersi per tutto il nord Italia fino al Veneto, è la zona più inquinata d’Italia, e una delle più “Polluted” d’Europa. Anzi, la peggiore, come leggerete più avanti.

Non sono pochi gli studi, e questo è il dato inquietante, che affermano come l’inquinamento faccia perdere dai 2 ai 3 anni di vita.

Avete capito bene: 2-3 anni. Pensate a quante cose potete fare in due o tre anni, quanta vita potete perdere.

Secondo il Corriere della Sera in Lombardia ogni anno muoiono 300 persone, l’80% delle quali (circa 230) nella sola Milano.

Il dato su Torino al momento non c’è, ma se si pensa che in quanto a sforamenti del famigerato livello dei Pm10 la Mole Antoneliana ha portato per anni la maglia nera, facendo registrare solo ultimamente un’inversione di tendenza, l’angoscia è destinata a crescere.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente sulla qualità dell’aria in Europa la Pianura Padana, nonostante la tendenza al miglioramento, resta la peggiore d’Europa in termini di qualità dell’aria.

Un primato che la nostra pianura condivide con l’area industriale della Polonia.

Un problema che affligge, si diceva, anche Torino.

Nell’ultimo anno e mezzo i dati sembrano migliorare, e meno male: solo a gennaio del 2013 era stato addirittura The Economist a elargire una sonora bocciatura alla nostra città, fra le peggiori nel mondo per Pm10, e all’epoca battuta solo da Ludhiana (India), Lanzhou (Cina), Mexicali (Messico), Anyang e Busan (Sud Korea), Johannesburg (Sud Africa) e Rio de Janeiro (Brasile)

A.Bes.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here