Home Cronaca di Torino Sarà Torino la città più giocosa d’Italia?

Sarà Torino la città più giocosa d’Italia?

0
SHARE

Un contest, una settimana dedicata ai giochi. Una possibilità per Torino di essere proclamata “La città più giocosa d’Italia”.

E’ iniziata qualche giorno fa la quarta edizione della Settimana del gioco in scatola, e proprio Torino ha dato il via alla manifestazione, che si conclude domani.

L’evento, è una sfida tra i comuni più “giocosi” d’Italia”, e in quattro edizioni ha coinvolto oltre 250 città, con la partecipazione di oltre 100 mila persone.

Protagoniste in questa sfida sono ludoteche, associazioni, realtà ludiche di ogni tipo, ma anche scuole, centri d’incontro, oratori.Nel dettaglio; sotto la Mole Antonelliana fino a domani si gioca a Monopoly, all’Allegro chirurgo, a Forza quattro, a Taboo e a Cluedo.

Giochi storici, edizioni da tavola che hanno fatto trascorrere ore indimenticabili a molti. SI gioca, per gli interessati, al Centro per la Cultura Ludica (via Fiesole, 15/A) alle ludoteche San Giocondo, Drago Volante, Avrah KaDabra, Serendipity, Aliossi e Cirimela, senza dimenticare i Gruppi di Gioco dell’Ospedale Infantile Regina Margherita e dell’Ospedale Martini.

Non solo: ci sono le scuole Armstrong, Alfieri, Giannelli, Sclopis e la scuola media Frassati.

Indirizzi e orari a questo indirizzo: www.comune.torino.it/iter/

L’aspetto che non abbiamo ancora spiegato, e che rende l’evento fantastico, è il fine. Al Comune più giocoso, secondo un conteggio che vede l’unità di misura di base nelle “Ore di gioco”, verrà regalato un carico di giochi in scatola da devolvere in beneficenza.

Non solo ore di gioco: ci saranno prove speciali, partite particolari, eventi contemporanei, come quelli del Regina Margherita e del Martini, che vedono protagonisti i bambini.

Infine una chicca: il Monopoly tutto torinese in cui si gioca nella ludoteca Serendipity

Quindi che aspettate: Torino se la gioca con cinquanta città, fra cui Milano, Palermo, Venezia, Roma, Fiuggi, Napoli o Bari. Concorrete per portare tanti giochi a chi ne ha bisogno!

Correlato:  Nobili e Audaci, le origini del calcio torinese

 

La Redazione di Mole 24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here