Home Cronaca di Torino Fornaca e Molinette, eccellenza dell’eccellenza

Fornaca e Molinette, eccellenza dell’eccellenza

16
SHARE

Si fa presto a dire che la sanità italiana è al disastro, che i casi di mala sanità rendono il nostro paese inaffidabile.

Poi si scopre che più di una classifica mondiale relega l’Italia a un rango di eccellenza assoluta.

Tanto per dire, secondo le statistiche dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), ma anche della Banca Mondiale, FMI (Fondo Monetario Internazionale) e il Dipartimento della Salute di Hong Kong, l’Italia può contare in un sistema sanitario fra i migliori del mondo.

Cui si aggiunge l’indagine della testata finanziaria Bloomberg, che tiene conto di un panel di paesi con abitanti dalla vita media almeno di 70 anni e un reddito pro capite oltre i 5000 dollari.

Inoltre, i parametri usati per queste indagini sono l’aspettativa di vita, il tasso medio di incidenza del costo cure rispetto al PIL (prodotto interno lordo) e le spese mediche pro capite.

Ebbene, mettendo insieme tutti questi ingredienti l’Italia è, udite udite, al terzo posto nel mondo.

Lo ripetiamo, perchè sia più chiaro a quelli “Che fa tutto schifo”: la sanità italiana per qualità è la terza nel mondo.

Torino aiuta, e non poco, a fare restare in alto l’indice nazionale. Due gli istituti che brillano su tutti: la rinomatissima Fornaca, clinica privata (cui comunque si associano altre strutture d’eccellenza privati o para privati come il Koelliker) e, stando nel pubblico, le Molinette.

Spesso al centro di scandali, spesso al centro di news non edificanti, ma riconosciuto da tutti come uno dei centri italiani all’avanguardia per numerose specialità, quali ad esempio i trapianti di fegato oppure la vituperata cardiologia.

E infine, se siete in attesa di un bambino, non vi fate ingannare dalle apparenze: alcune sale parto del Sant’Anna fanno invidia a una clinica svizzera.

Correlato:  Caselle sarà lo scalo delle vacanze estive

Lo diciamo, quando qualcosa va bene, o no?

 

A.Bes.

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here