Home Teatro Al Teatro Gioiello di Torino si esplorano (in musica) le mutevoli facce...

Al Teatro Gioiello di Torino si esplorano (in musica) le mutevoli facce dell’amore

2
SHARE
Al Teatro Gioiello di Torino si esplorano (in musica) le mutevoli faccce dell’amore
Al Teatro Gioiello di Torino si esplorano (in musica) le mutevoli faccce dell’amore
Tempo di lettura: 1 minuto

Dopo la calorosa accoglienza della primavera scorsa a Roma e il riallestimento di stagione la scorsa settimana a Napoli, la giovane compagnia di “Ti amo, sei perfetto, ora cambia”, – musical “da camera” off-Broadway, scritto da Joe Di Pietro, con le musiche di Jimmy Roberts – è felice di arrivare al Teatro Gioiello di Torino fino al 16 novembre.

La regia di questo nuovo allestimento è affidata a Marco Simeoli e i quattro protagonisti sul palco sono Piero Di Blasio – che cura anche l’adattamento italiano – Valeria Monetti, Stefania Fratepietro e Daniele Derogatis.

Al Teatro Gioiello di Torino si esplorano (in musica) le mutevoli faccce dell’amore

 

Quest’ultimo (già visto in Shrek, diretto da Claudio Insegno, n.d.r.) qui ha la possibilità di mostrare meglio al pubblico le sue potenzialità vocali e comiche; gli altri protagonisti sono positive conferme: l’istrionico Di Blasio, Stefania Fratepietro, intensa quasi ai livelli di una Christine Daàe, e Valeria Monetti, la cui voce ostenta allo stesso tempo dolcezza e decisione.

I quattro si muovono, accompagnati dalla musica dal vivo eseguita al pianoforte dal M° Emiliano Begni all’interno di tutta una serie di situazioni che riguardano la vita di coppia: dal primo appuntamento fino alla rottura di un rapporto, passando per il matrimonio, il calo della passione e la vita con i figli, fino alle cause che decretano la fine di una storia.

Correlato:  Il Regio di Torino unico teatro italiano sul primo portale web europeo dedicato all’Opera

Tutto questo attraverso un ritmo scoppiettante, grazie anche alle canzoni, orecchiabili e incisive. Il brano finale – che dà il titolo allo spettacolo – conferisce lustro a un lavoro che viene annoverato tra le “piccole gemme” che uno spettatore di musical non dovrebbe perdersi.

r.mazzone@mole24.it



Commenti

SHARE