Home Cronaca di Torino 105 esima al mondo per costo della vita!

105 esima al mondo per costo della vita!

465
SHARE
Costo della vita: i torinesi dovrebbero lamentarsi?
Costo della vita: i torinesi dovrebbero lamentarsi?

“Mollo tutto e cambio vita”: quante volte abbiamo sentito amici e parenti dirlo, oppure l’abbiamo pensato e sognato in prima persona?

A volte, presi dai problemi e dalle difficoltà della vita quotidiana si pensa che in qualunque altro posto la vita potrebbe essere più facile o si riuscirebbe ad ottenere un lavoro che dia maggiori soddisfazioni, anche economiche.

Se al cocktail dell’insoddisfazione verso la quotidianità ci aggiungiamo anche un po’ di scetticismo anti-euro (che secondo le statistiche in Italia è dilagante), il gioco è fatto. Tutti i giorni giornali e telegiornali ripetono che il costo della vita si alza costantemente, che non ce la facciamo più a pagare tasse, bollette e perfino la spesa.

105esima al mondo per costo della vita

Ma siamo sicuri di vivere davvero in una città dove il costo della vita è molto elevato?

Dati alla mano, i numeri potrebbero rivelare qualcosa di sorprendente.

Secondo Expatistan, un sito che compara il costo della vita in diverse città del mondo per aiutare le persone che vogliono andare a vivere o studiare all’estero a decidere la meta da scegliere, noi torinesi non siamo poi messi così male.

I dati raccolti da Expatisan, basati sul reale costo dei beni in un dato luogo perchè forniti dalle persone che ci vivono, piazzano Torino 105esima al mondo per costo della vita, più o meno a metà classifica.

Rimarranno delusi, quindi, tutti coloro che sperano un giorno di vivere una vita più agiata a Zurigo, per esempio: prima in classifica, ha un costo della vita complessivo più alto del 84% rispetto a quello di Torino e se si considera solo la spesa relativa all’acquisto di una casa, nel cuore economico svizzero potreste trovarvi a pagarla ben il 156% in più.

Costo della vita: i torinesi dovrebbero lamentarsi?

Non c’è solo Zurigo, penserà qualcuno: verissimo, ma interesserà sapere che quasi tutte le città-sogno per i futuri expat sono ben più care di Torino: Londra si colloca sul podio subito dopo Zurigo, New York al settimo, Parigi al quattordicesimo, Francoforte al quarantacinquesimo (la lista, ovviamente, è ancora lunga).

Restando in Europa, tra le ultime città nella classifica (e quindi quelle con il costo della vita più basso) ci sono Brno, Sofia e Timisoara.

A Sofia, per esempio, un mese in una palestra “in” potrebbe costarvi solo 28 euro, mentre a Timisoara un abbonamento mensile per i mezzi pubblici costa in media 18 euro.

Buone notizie per chi, da vero avventuriero, ha basato i propri sogni sul proprio spirito di adattamento: negli ultimi 10 posti della classifica, infatti, figurano in particolare diverse città in India, paese parte delle economie emergenti identificate dall’acronimo BRICS.

Tolga la polvere dalle valigie chi ha sempre desiderato di visitare le meraviglie indiane quindi: prima della prossima classifica, potrebbe essere il caso di programmare un bel viaggio esotico.

 

Erika Guerra

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here