Home Musica Il ‘principe del violino’ Edvin Marton torna a esibirsi a Torino

Il ‘principe del violino’ Edvin Marton torna a esibirsi a Torino

33
SHARE
Il ‘principe del violino’ Edvin Marton torna a esibirsi a Torino
Il ‘principe del violino’ Edvin Marton torna a esibirsi a Torino

Dopo aver aperto con la sua esibizione le Olimpiadi Torino 2006, Edvin Marton torna a Torino e sceglie l’Atlantic per l’unica data italiana del tour mondiale “The Prince of Violin”! Appuntamento venerdì 7 novembre alle ore 21 presso il Teatro Atlantic di Borgaro Torinese (Torino), in via Lanzo 163.

Un talento eccezionale fin dall’età di otto anni, tiene il suo primo concerto a dodici conquistando l’Europa, dall’Ungheria, sua terra natale, all’Austria, dalla Germania alla Svizzera, suonando per le orchestre più prestigiose, il più delle volte come solista.

Fino ad approdare in America dove affina la sua tecnica presso la miglior scuola di musica, la Juilliard. Marton non ama suonare fedelmente le composizioni dei grandi della musica classica perché reputa decisamente più eccitante rielaborare i brani, con suoni più elettronici, adatti al XXI secolo.

Il ‘principe del violino’ Edvin Marton torna a esibirsi a Torino
Il ‘principe del violino’ Edvin Marton torna a esibirsi a Torino

Ne scaturiscono composizioni geniali che gli permettono di vincere un Emmy Award e, nel 1996, di sbaragliare altri 350 violinisti in una competizione mondiale in Canada dove si aggiudica l’onore ed il privilegio di poter suonare a vita un vero Stradivari, posseduto da una banca svizzera, costruito nel 1697 e utilizzato oltre duecento anni prima dal grande Paganini.

Sul palco dell’Atlantic Marton farà sognare il pubblico con uno strumento ancora più aulico: il “Diamond Violin”, confezionato apposta per lui dal liutaio cremonese Francesco Toto. Intagliato da un pezzo di legno di oltre trecento anni scoperto in un monastero italiano, la sua costruzione ha richiesto un anno di meticoloso lavoro. Incastonato con oltre duecento diamanti racchiusi in piccole nicchie d’oro e madreperla, oltre a una filigrana ornamentale a disegnare degli intrecci floreali e un colibrì. Valore: tre milioni di dollari.

L’artista ha promesso di portare con sé anche un altro violino: valore sette milioni di dollari per uno Stradivari originale del 1699, chiamato “ex-Leopolod Auer”, dal nome di uno dei più grandi e influenti pedagoghi del violino di tutti i tempi.

PREZZI BIGLIETTO:

PLATEA BASSA (più vicina al palco):

intero: 30 euro

ridotto: 27 euro

ridotto gruppi (minimo 15 persone): 25 euro

PLATEA ALTA:

intero: 26 euro

ridotto: 24 euro

ridotto gruppi (minimo 15 persone): 22 euro

Per maggiori informazioni: DIMENSIONE EVENTI SRL tel. 011/2632323 oppure 340/6409714;

 

Roberto Mazzone

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here