Home Arte La qualità (fotografica) esiste ancora: Noites do Brasil alla corte di Del...

La qualità (fotografica) esiste ancora: Noites do Brasil alla corte di Del Piero.

3
SHARE
La qualità (fotografica) esiste ancora: Noites do Brasil alla corte di Del Piero. Torino
La qualità (fotografica) esiste ancora: Noites do Brasil alla corte di Del Piero. Torino
Tempo di lettura: 2 minuti

“L’arte ha molto a che fare con la curiosità, con la scoperta di mondi che non si conoscono. L’arte è lasciarsi trasportare da chi ha occhi per vedere dove gli altri non arrivano. Gli occhi di un’artista”.

E ancora “Tra lo sport e l’arte ci sono molti più punti di contatto di quanto si possa immaginare (…) Un esempio? Provate a mettervi in disparte e osservare un gruppetto di bambini che corre dietro un pallone fino a sfinirsi.Poi provate a osservare una foto di Steve McCurry che racconta proprio la magia di un pallone che rotola, in ogni angolo del mondo: ritroverete gli stessi suoni, gli stessi colori, le stesse emozioni. Tutto ciò che è bello può diventare arte, anche lo sport”.

Ci troviamo di fronte alle parole scritte in un saggio da un nuovo esteta dell’arte?

No, banalmente siamo di fronte alla breve introduzione con cui Alessandro Del Piero prova a spiegare sul sito dello spazio polifunzionale che ha aperto nel centro di Torino da qualche tempo, la ragione del mettere insieme sport, arte e musica: ADPlog.

A prescindere dai giudizi, questo spazio ha il merito di investire su interessanti manifestazioni e mostre di bella fotografia.

Un luogo in cui si incontrano sport, cultura e arte. Mondi apparentemente lontani anni luce ma che invece un campione del calcio amato da tutti – e non solo dagli juventini – per la sua umanità e attenzione agli altri, riesce ad avvicinare in uno spazio a pochi passi dalle vie dello shopping.

Correlato:  Alla scoperta del Giardino Roccioso di Torino

Dopo l’esposizione, nella primavera scorsa, delle foto di Steve McCurry – il fotografo dello splendido ritratto della ragazza dagli occhi verdissimi e di un’intensità senza paragoni, e oggi autore del calendario Lavazza – si passa ora alla nuova mostra dal titolo evocativo “Magnum Photo with Save the Dream: Noites do Brasil”.

Come si intuisce dal titolo il progetto nasce dalla collaborazione tra la grande agenzia fotografica internazionale, Magnum Photo – siamo già stati abituati a retrospettive torinesi su grandi fotografi del passato di questa agenzia – e Save the Dream ovvero il programma di diffusione e sostegno dei valori e la purezza dello sport di cui lo stesso Del Piero è ambasciatore.

Come evocano poi le parole Noites do Brasil, si parla di calcio e di un evento calcistico che, volenti o nolenti, attrae e tiene appiccicati alla tv milioni di appassionati di calcio e no.

Lo scorso campionato mondiale, nel giugno 2014 è stato giocato in un paese pieno di contraddizioni, colori e sfumature poco percettibili spesso per coloro che lo conoscono poco: il Brasile.

La qualità (fotografica) esiste ancora: Noites do Brasil alla corte di Del Piero. Torino

Quattro fotografi Magnum affiancati da quattro giovani fotografi brasiliani e due collettivi hanno cercato di fermare momenti del mondiale Brasile 2014 per cogliere nei loro scatti momenti curiosi inediti e originali di questa importante manifestazione.

Questa esposizione riassume la mission dello spazio polifunzionale voluto da Alessandro Del Piero dove musica, sport e arte si incontrano e si intrecciano.

Correlato:  Il Papa a Torino: ecco il programma

Accostamenti azzardati?

Forse non così tanto. O almeno potremmo considerarli azzardati solo dopo averli visti.

Perché se è vero che molto spesso l’arte viene sopravvalutata – tanto da rendere e considerare arte qualunque cosa venga etichettata come tale, nonostante ci debbano essere dei limiti – il pregio di questo spazio è quello di portare a Torino della bella fotografia, di qualità.

Parola questa, che spesso dimentichiamo possa esistere ancora.

 

Magnum Photo with Save the Dream “Noites do Brasil

Martedi – Mercoledi – Venerdì dalle 15 alle 19 Giovedi dalle 15 alle 21 Sabato e Domenica dalle 11 alle 19

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito.

 

Giulia Copersito



Commenti

SHARE