Home Cronaca di Torino Torino si riappropria di una festa dell’Auto, al Valentino

Torino si riappropria di una festa dell’Auto, al Valentino

2
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

C’era una volta il Salone dell’auto del Lingotto.

Oggi c’è, o meglio domani ci sarà, il Gran Premio dell’Automobile del Parco Valentino.

No, non è che la Formula Uno cominci a circolare per le vie del parco sul Po (anche se di ipotesi negli anni ce ne sono state eccome), ma semplicemente si tratta di un nuovo evento che vuole fare tornare le 4 ruote protagoniste sotto la Mole.

Un evento all’aperto, che non sarà un Salone nella sua classica accezione, ma un evento motoristico a 360′, sul modello di eventi internazionali come il Festival of Speed di Goodwood, in Inghilterra, o il concorso d’eleganza di Pebble Beach, negli Stati Uniti.

Una scelta non casuale il Valentino, come spiega Andrea Levy, presidente del comitato organizzatore: “Vogliamo rendere omaggio alla storia della grande competizione disputata tra il 1935 e il 1955 in questo stesso parco. Un ritorno alle radici, alla grandezza di Nuvolari e Ascari, ma soprattutto allo spirito entusiasta e costruttivo, orientato al futuro, che guidava le scelte di quegli anni. Siamo convinti che pagine entusiasmanti dell’auto saranno scritte nel nuovo millennio”.

Un festival, quindi, un mix di storia, tecnologia, festa, motori, esposizione e divertimento.

PARCO VALENTINO - GRAN PREMIO DELL'AUTOMOBILE

“Sarà un festival – ha aggiunto Levy – un evento di alto livello coinvolgente ed esclusivo, che metterà al centro l’auto come fenomeno culturale oltre che realtà economico-produttiva. Abbiamo invitato i grandi costruttori, i centri stile dei marchi più prestigiosi, uomini che han fatto la storia dell’auto e continuano a farla, collezionisti di tutto il mondo con pezzi unici di ieri e di oggi, apriremo con una sfilata di modelli meravigliosi”.

Correlato:  8000 buone ragioni per scegliere il sant'Anna

Le date previste: 11-14 giugno 2015, si partirà con una passerella di modelli rari per le vie di Torino, che passeranno attraverso alcune strade in cui si tennero quei memorabili GP, e poi ovviamente ci sarà l’aspetto espositivo, sia per le case automobilistiche, sia per i prototipi dei carrozzieri.

 

E poi, ovviamente, non manchrà la vera e propria rievocazione del dei Gran Premio, che poi da il nome alla kermesse.

E’ il caso di dirlo: scaldate i motori

 

A.Bes.



Commenti

SHARE