Home Enogastronomia La cucina borghese del Piemonte

La cucina borghese del Piemonte

262
SHARE
La cucna borghese del Piemonte
La cucna borghese del Piemonte
Tempo di lettura: 1 minuto

La cucina del ceto borghese piemontese, consolidatasi con l’Unità d’Italia, può essere considerata come la via di mezzo tra la cucina popolare e la cucina nobile di palazzo. Di fatto, essa non è limitata dalla grande parsimonia dei ceti popolari e, all’opposto, non è condizionata dallo sfarzo e dal lusso della cucina nobiliare e di palazzo.

Il ceto medio era governato nella scelta degli ingredienti dei propri piatti dal concetto di risparmio ma, allo stesso tempo, poteva permettersi anche ingredienti che erano difficilmente accessibili ai ceti popolari.

Per l’appunto, anche nella loro cucina troviamo pratiche e prodotti molto simili a quelli di estrazione contadina, come: tecniche di conservazione dei prodotti che ne sfavoriscano il deterioramento; l’utilizzo delle frattaglie; molti prodotti provenienti dall’orto e dai pollai; l’utilizzo di alimenti del territorio e stagionali.

La cucna borghese del Piemonte

Per contro, erano presenti nei propri piatti, ingredienti che denotavano maggiori ricchezza, come per esempio: vi erano numerose ricette a base di carne, considerata per i ceti poveri un bene di lusso; l’utilizzo del pesce in alcuni piatti, trovandosi in una regione lontana dal mare; diverse sono le ricette di dolci, alimenti da sempre considerati non essenziali per la sopravvivenza.

Inoltre ricordiamo che nel periodo dell’ascesa della borghesia, due cuochi della Real Casa si cimentarono nella stesura di ricettari indirizzati al ceto borghese.

Correlato:  Michele Prochet, l'inventore del Gianduiotto

Questi due libri sono “La Vera Cucina Casalinga – Sana, economica e dilicata” (1851) di Francesco Chapusot e la “Cucina Borghese semplice ed economica” (1864) di Giovanni Vialardi, considerati come testi di base della cucina della borghesia piemontese.

In conclusione, data la varietà degli ingredienti, la cucina della classe media può essere definita come la più variegata e numerosi piatti, divenuti simbolo della nostra cucina regionale, provengono da questa categoria sociale.

 

Clara Lanza



Commenti

SHARE