Home Urbanistica Corso Marconi: approvato il progetto per il parcheggio

Corso Marconi: approvato il progetto per il parcheggio

30
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Ci siamo: il parcheggio di corso Marconi si farà.

Qualche giorno fa la Giunta Comunale ha approvato i progetti di realizzazione del parcheggio pertinenziale e della sistemazione superficiale, che comporta anche una riqualificazione del corso.

L’operazione sarà realizzata dal concessionario che costruirà il parcheggio. L’intervento, unico in città, non riguarderà solamente la superficie del parcheggio ma tutto il corso.

Il Comune si impegna a garantire la fruibilità della zona anche durante l’attività del cantiere: Palazzo Civico ha condiviso il progetto con la Soprintendenza ai Beni Architettonici e Culturali, e così l’uso di nuove pavimentazioni, la sostituzione e l’integrazione del doppio filare di ippocastani, il nuovo verde lungo tutto il corso con elementi di arredo che non interrompono la “prospettiva aulica” del corso, ma si ispirano alla storia riproponendo i gigli che ornano la facciata del Castello del Valentino, saranno gli elementi caratterizzanti del nuovo corso Marconi.

I ciclisti disporranno di una pista bidirezionale sul lato sud e di attraversamenti “dedicati” ad ogni incrocio: in largo Marconi e corso Massimo d’Azeglio rimarranno gli attraversamenti ciclo-pedonali ed all’incrocio con via Madama Cristina resterà il semaforo per i ciclisti.

I commenti: “Finalmente potremo riqualificare un importante viale alberato destinandolo ad uso esclusivamente ciclo-pedonale”, ha affermato l’Assessore del Comune di Torino Lubatti, “e poiché il viale sarà rialzato rispetto al livello della strada riusciremo a garantire la percorribilità completa lungo tutto il corso a ciclisti e pedoni. Per facilitare l’interscambio con la metro stiamo anche lavorando per realizzare un parcheggio coperto per le bici, simile a quello che si intende costruire a Porta Susa”.

Correlato:  Il grattacielo San Paolo è il più ecologico al mondo!

“La nuova viabilità lungo i controviali consentirà inoltre”, ha concluso Lubatti, “di rendere corso Marconi una ‘zona 30’ con restringimenti della viabilità in corrispondenza degli incroci e passaggi pedonali rialzati per garantire la sicurezza”.


Il parcheggio “Marconi” potrà ospitare 227 auto su 2 piani interrati, e la sua realizzazione costerà circa 3 milioni e 380 mila euro: a carico del concessionario anche la sistemazione del corso, con una spesa di 1 milione e 417 mila euro circa, e l’intervento in largo Saluzzo (107 mila euro).

Redazione M24



Commenti

SHARE