Home Urbanistica Piazza Arbarello: addio parcheggi, la zona diventa pedonale

Piazza Arbarello: addio parcheggi, la zona diventa pedonale

805
SHARE

“Cominceremo a pedonalizzare subito il quadrante di fronte alla nuova sede del Collegio Carlo Alberto, ma in un secondo tempo bisognerà riqualificare tutta la piazza, nel senso di pedonalizzarla tutta”.

Queste sono le parole che l’assessore all’urbanistica Stefano Lo Russo ha riferito a La Stampa per quanto riguarda il futuro di Piazza Arbarello.

Piazza Arbarello: addio parcheggi, la zona diventa pedonale

Durante l’ultima seduta comunale infatti le idee della giunta erano proprio quelle di ridare lustro ad una piazza che per ora è vista più come parcheggio che meta di turisti; a maggior ragione adesso, dopo la certezza dell’arrivo di San Paolo nell’ex Facoltà di Economia e Reale Mutua nella ex sede dell’Enel, Palazzo della Luce angolo via Bertola.

In merito il Comune ha già dato il “si” per la costruzione di un parco giochi e successivamente per la predisposizione a zona pedonale, fattibile grazie “all’eliminazione dei brutti parcheggi a spina di pesce delle auto a raso, creando nuovo verde, e considerandola finalmente una piazza, non soltanto qualcosa che nell’immaginario collettivo significa “il luogo da cui partono i cortei”, ha poi ribadito Lo Russo.

Torino Piazza Arbarello: al via la pedonalizzazione

Di per sé già nel 2008 sotto la supervisione dell’assessore alla viabilità Maria Grazia Sestero era stato avanzato un progetto simile, per rendere Piazza Arbarello più a misura di pedone che di macchina. Purtroppo il progetto “Arbarello Fashion” non ebbe molta fortuna e così l’idea di una zona per lo shopping con strade pedonali, e parcheggi interrati, finì subito nel dimenticatoio.

Si prenda in considerazione che la trasformazione della piazza diventa quasi doverosa visti i nuovi inquilini. Soprattutto per quanto riguarda la Compagnia, cui la nuova sede sarà luogo di autorevoli incontri amministrativi e di divulgazione.

Il nuovo domicilio marchiato San Paolo sarà la succursale urbana della Fondazione Collegio Carlo Alberto e del Centro Studi sul Federalismo; entrambi chiavi di volta per ciò che concerne gli studi economici.

 

Damiano Grilli

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here