Home Cronaca di Torino Dieci anni: auguri, Piazza dei Mestieri

Dieci anni: auguri, Piazza dei Mestieri

73
SHARE
Dieci anni: auguri, Piazza dei Mestieri
Dieci anni: auguri, Piazza dei Mestieri

Sono in corso, fino al prossimo week end, le celebrazioni per i 10 anni di una delle realtà più interessanti di Torino: Piazza dei Mestieri.

Un momento di festa, certo, ma anche l’occasione per fare il bilancio di un’esperienza che ha coinvolto oltre 3000 ragazzi che hanno portato a termine l’iter scolastico, attraverso un percorso formativo e professionale che ha consentito loro di affacciarsi con successo alla vita e al lavoro.

Dieci anni: auguri, Piazza dei Mestieri
Un’esperienza articolata che ha affiancato al percorso educativo la creazione di vere e proprie botteghe, che vendono i loro prodotti e servizi sul mercato, in cui i giovani hanno potuto misurarsi concretamente con il lavoro già durante gli anni di studio. Un’esperienza incentrata sulla forza attrattiva della bellezza che ha dato vita a un’ intensa attività culturale fatta di rassegne musicali e teatrali, di concorsi di arte contemporanea e di poesia, di grandi dibattiti sul tema dell’educazione, del lavoro e del nuovo welfare.
Spiegano dalla Piazza: “Un’esperienza che da Torino si apre al mondo. Abbiamo aperto a Catania, siamo gemellati con una realtà di Belo Horizonte e stiamo lavorando per nuove aperture in altre città dal Sud, all’Europa, al Sudamerica”.

Le manifestazioni sono iniziate il 28 settembre con la presentazione di “Anniversary”, la nuova birra di Piazza dei Mestieri creata appositamente per il Decennale in abbinamento con il cioccolato, un altro must della Piazza, e si chiudono il 4 ottobre con un “dialogo gastronomico” tra i ragazzi dei corsi di cucina e grandi chef.
Nel mezzo 15 incontri che coinvolgono tutti i principali stakeholder che abbracciano una vasta gamma di temi: dall’educazione dei giovani al tema del loro inserimento nel mondo del lavoro, dall’analisi dei nuovi modelli di welfare alla responsabilità sociale d’impresa, dalle potenzialità delle nuove tecnologie al ruolo educativo dell’arte, dalla riflessione sulle reti pubblico-privato al valore della gratuità.
Tutte le sere spettacoli di musica e teatro a ingresso libero aperti al quartiere e alla cittadinanza.

Correlato:  Rodolfo Marasciuolo: l’artista più amato di Torino

“La sfida che abbiamo di fronte è quella uscire dalla crisi salvaguardando le politiche sociali in una visione universalistica ed europea, che riconosca a ogni singola persona – a prescindere dalla classe sociale o dal reddito – il diritto di accedere ai servizi sanitari, educativi, assistenziali, culturali di pari qualità, ma al contempo che superi ogni assistenzialismo chiamando tutti a una rinnovata responsabilità.
Il Decennale non è dunque solo la nostra festa e neppure un punto di arrivo.

Dieci anni: auguri, Piazza dei Mestieri
È l’occasione per dare un giudizio comune per continuare a costruire il futuro della Piazza e, ci auguriamo, di tante altre realtà che, partendo da una grande alleanza tra pubblico e privato, siano in grado di costruire risposte efficaci per i nostri giovani”-

 

Redazione Mole24

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here