Home Cronaca di Torino Via Po e quel campanile colorato… male

Via Po e quel campanile colorato… male

10
SHARE
Via Po e quel campanile colorato... male
Via Po e quel campanile colorato... male

Impazza fra i residenti di via Po la polemica per il campanile marroncino che troneggia sulla parrocchia della Santissima Annunziata.

Terminati pochi giorni fa i restauri alla struttura, gli abitanti della zona sono rimasti letteralmente senza fiato. Non foss’altro che per il fatto che la parrocchia è bianca.

Foto: Lastampa.it
Foto: Lastampa.it

Inoltre, in epoca di grandi grattacieli, il Campanile è uno dei pochi simboli di Torino, insieme alla Mole, ben visibile dalla collina. E adesso lo si vede bene, si, ma con questo colore incomprensibile ai più.

Un cambiamento doppiamente incomprensibile se si pensa che, in tutta la zona, negli anni, le vie i palazzi e le strade sono lentamente passate al bianco, salutando quello che veniva comunemente chiamato “Giallo Torino”.

La chiesa delll’Annunziata è bianca, uno pensa, mica cambierà colore.

Invece si: il campanile ha subito il processo inverso e al termine del restauro, effettuato su commissione della Compagnia di San Paolo e costato 150 mila euro, si è presentato con questa veste sconcertante perfino, secondo quanto ricorda La Stampa, per il parroco della chiesa.

Il campanile, com'era
Il campanile, com’era

Sempre La Stampa racconta che l’architetto che ha seguito i lavori, Francesco Barrera, spiega come la Soprintendenza sia arrivata a quella tinta dopo aver fatto parecchie ricerche sia storiografiche sia sul luogo, ricercando la tonalità originale sul campanile stesso. Cioè, ribadiamolo: mentre il centro di Torino passava al bianco il campanile è tornato indietro nel tempo.

E adesso?

Non sembra sia finita qui, se è vero che la stessa Soprintendenza sembra intenzionata, dato che ormai il lavoro è fatto, ad adeguare la bianca parrocchia al suo campanile. Caramellandosi, insomma.

Correlato:  Metti un pianoforte a Porta Nuova...

 

Staremo a vedere come la prenderanno i parrocchiani.

 

A.Bes.

(Foto da LaStampa )

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here