Home Arte Venaria, due milioni per la Venere

Venaria, due milioni per la Venere

1
SHARE
Venaria, due milioni per la Venere

Per portare la venere di Botticelli a Torino Venaria sarebbe disposta a sborsare ben due milioni di euro.

Le parole arrivano direttamente da Fabrizio Del Noce, presidente della Venaria reale «Abbiamo fatto presente al ministro che per ospitare la Venere di Botticelli per tre mesi saremmo disposti a pagare due milioni di euro - ha detto Del Noce a La Stampa – fra pochi giorni lo incontreremo a Roma e speriamo in una risposta positiva.

È vero, il direttore degli Uffizi ha già risposto che è contrario ed è un peccato. Solo in Italia si incontrano queste resistenze, solo in Italia si è così restii al prestito e se si ottiene qualcosa va pagato a peso d’oro».

Venaria, due milioni per la Venere

In altre parole, l’offerta c’è, anche se da Firenze per ora non arrivano risposte positive.

L’obiettivo, comunque, è dotare La Venaria di una grande opera, per fare da cassa di risonanza in occasione dell’Expo.

Se non arriverà la mitica Venere, si parla di Autoritratto di Leonardo, ma ci sono altri capolavori in agenda. Intanto, pochi giorni fa, la Reggia ha incassato un importante “coccarda”: la proposta del ministro Franceschini di diventare la Reggia del Barocco d’Italia, con una sala dedicata a quello veneziano, uno al piemontese e tutti gli altri grandi barocchi d’Italia.

Venaria, due milioni per la Venere

Il ministro era presente per il summit dei colleghi europei alla cultura, e ha avuto parole di lode per Torino: «città in grado di trasformare la vecchia vocazione industriale e diventare capitale della cultura e nuova destinazione turistica, ecco perché il vertice lo abbiamo fatto qui e non a Roma, Firenze o Venezia».

Un altro bel complimento per la nostra città, che si sta preparando a un 2015 che, grazie a Expo, portrebbe vedere un nuovo rilancio della stagione turistica, sia a Torino che in provincia: sono molti i comuni della cintura, specie di quella nord-est, in direzione Milano, che stanno preparando iniziative e stanno facendo rete per proporre il Piemonte come tappa per i turisti che visiteranno l’esposizione di Milano.

 

Redazione M24

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here