Home Urbanistica Barriera, 5000 metri quadrati di progetti

Barriera, 5000 metri quadrati di progetti

45
SHARE
Barriera, 5000 metri quadrati di progetti
Barriera, 5000 metri quadrati di progetti

Anzi: per l’esattezza 5500. Questa è la dimensione degli ex capannoni Incet in corso di ristrutturazione con il programma Urban, che dopo avere anni fa rifatto il vestito nuovo alla periferia Sud, adesso è la strada per la nuova Barriera di Milano.

Barriera, 5000 metri quadrati di progetti

I capannoni sono al centro del complesso situato tra via Cigna, via Banfo, corso Vigevano e via Cervino.
L’area dell’ex industria dei Bruni Tedeschi diventerà uno dei centri per servizi più importanti di Barriera di Milano e, grazie alle dimensioni
e alla posizione strategica, per l’intera città.
La riconversione degli edifici industriali preesistenti ha avuto inizio con gli interventi privati per l’insediamento della Facit ed è proseguita dal 2009 con i fondi regionali del PISL e poi con il Programma Urban: a luglio 2014 è stata inaugurata la nuova Caserma dei Carabinieri, primo tassello del nuovo complesso di servizi pubblici la cui parte principale sarà costituita dagli edifici oggetto del bando.

Insomma un nuovo buon esempio di come si possano riconvertire in modo efficiente ed eccellente spazi un tempo occupati da fabbriche: per esempio la grande navata libera semicoperta di 1500 metri quadri e i 4mila metri quadri di sale distribuite su tre piani, caratterizzati
dalla suggestiva struttura in cemento armato e dalle grandi aperture vetrate.

Al termine dei lavori la ristrutturazione sarà totale, e diventeranno un vero e proprio centro polifunzionale per la collettività, dotato di spazi

per attività aggregative, di socializzazione e di svago, di un bar ristorante, di un centro per la preghiera dedicato alle confessioni religiose minoritarie e di una piazza semicoperta.

Barriera, 5000 metri quadrati di progetti

Adesso è tempo di raccogliere le idee per la gestione e l’utilizzo: la Città di Torino lancia così un avviso esclusivamente pre-informativo, rivolto a soggetti economici e non, in forma singola o associata.

La manifestazione di interesse dovrà contenere delle proposte di utilizzo e gestione di: spazi a disposizione per proposte di insediamento di attività; spazi per la collettività; centro interconfessionale; piazza semicoperta; ristorante e bar.

Tutto il materiale riguardante l’avviso, con scadenza prevista per il  20 ottobre 2014, sono disponibili alla pagina Appalti&Bandi della
Città di Torino.

Redazione M24 (fonte: Torinoclick)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here