Home Cronaca di Torino La prima campanella dell’anno: più docenti, meno sostegno, più allievi

La prima campanella dell’anno: più docenti, meno sostegno, più allievi

2
SHARE
La prima campanella dell'anno: più docenti, meno sostegno, più allievi
La prima campanella dell'anno: più docenti, meno sostegno, più allievi
Tempo di lettura: 2 minuti

Stanno squillando proprio in questi minuti le prime campane nelle scuole di Torino e del Piemonte.

L’anno scolastico inizia adesso, con orari differenti da scuola a scuola e da ordine e grado a ordine e grado.

Sarà un anno particolare, in un certo senso in chiaroscuro.

scuola_lavagna_1

scuola_lavagna_1

Per esempio, un anno che, per la prima volta da tempo, inizia con la promessa del Governo di stabilizzare un numero enorme di docenti in tutta Italia, numero che, evidentemente, a pioggia si riverbererà sul Piemonte.

Intanto gli insegnanti salgono, senza aspettare il Governo. In Piemonte: i posti sono 51.652, contro i 51.161 dell’anno passato. In calo i presidi, che quest’anno saranno 460, 62 rispetto a un anno fa, con 113 reggenze (che tradotto vuol dire che i presidi in questione guidano due scuole).

La prima campanella dell'anno: più docenti, meno sostegno, più allievi

Aumentano anche gli alunni: 537.086, dunque circa 800 in più rispetto a un anno fa. Oltre 600 mila considerando quelli delle scuole paritarie. A Torino, inoltre, crescono i ragazzi delle scuole superiori, duemila in più rispetto a 12 mesi fa.

Come immaginabile, non mancano anche le ombre: il caso del Boselli, emerso qualche giorno fa, è emblematico.

La prima campanella dell'anno: più docenti, meno sostegno, più allievi

I genitori e gli allievi dell’IIS Boselli di Torino si sono incontrati la scorsa settimana per discutere di quella che loro definiscono “gravissima situazione che si dovrà affrontare a breve, con l’inizio dell’anno scolastico. L’AT di Torino, senza alcuna spiegazione plausibile, ha deciso di “tagliare” (anche quest’anno) ben 22 cattedre di sostegno: delle 69 cattedre richieste ne sono state assegnate solo 47!!”

All’IIS Boselli risultano iscritti 95 allievi disabili di cui: 36 “complessi”, cioè in situazione di forte gravità, per i quali è indispensabile un rapporto esclusivo con il docente di sostegno (rapporto 1 a 1), e 22, anche se in situazione di gravità, gli estensori del modello H che avevano chiesto una copertura oraria tra le 12 e le 15 ore settimanali di sostegno.

Correlato:  Wall Street Journal: il "rinascimento" dell'Italia passa da Torino

Il taglio di 22 cattedre, in questo caso, sarà doloroso



 



Commenti

SHARE