Home Ambiente Buste di plastica non biodegradabile, è guerra senza quartiere. Partita da Torino...

Buste di plastica non biodegradabile, è guerra senza quartiere. Partita da Torino anni fa

45
SHARE
Buste di plastica non biodegradabile, è guerra senza quartiere. Partita da Torino anni fa
Buste di plastica non biodegradabile, è guerra senza quartiere. Partita da Torino anni fa

Anche l’Europarlamento, qualche mese fa, ha applicato un cospicuo giro di vite all’utilizzo nei negozi di buste di plastica non biodegradabile. Gli eurodeputati hanno detto sì all’obbligo di riduzione di almeno il 50% entro il 2017 e dell’80% entro il 2019.

Buste di plastica non biodegradabile, è guerra senza quartiere. Partita da Torino anni fa

Una notizia che di certo non ha fatto piacere alle ditte che queste buste le fabbricano: ci si appella al principio del mercato unico e della libera circolazione di merci. Dall’altra parte, Monica Frassoni, co-presidente del partito verde europeo, e Oliviero Alotto, portavoce di Green Italia, che ricordano come il Belpaese abbia «già ridotto il consumo di shopper del 50% nell’ultimo triennio».

E i numeri non sono da poco, se si pensa che in un anno (prendiamo l’esempio del 2010) ogni cittadino in Europa ha utilizzato in media 200 buste di plastica, più di uno ogni due giorni.

Tutto materiale che, se non biodegradabile, finisce nell’immondizia con conseguenze ben immaginabili.

shopper

Torino, da questo punto, la sua battaglia la iniziò con molto anticipo, proprio fra il 2009 e il 2010.

All’epoca il Consiglio Comunale decise di approvare la delibera che sanciva la messa al bando dei sacchetti di plastica.

I commercianti sono stati obbligati ad esaurire le scorte per poi sostituirli con sacchetti biodegradabili, sotto la minaccia di multe dai 2 ai 250 euro.

E l’aspetto positivo è che, sarà per la paura delle sanzioni, sarà per un innato e sabaudo senso civico, se si va nei negozi di Torino ci si accorge che le vecchie buste, quelle non biodegradabili, stanno davvero sparendo, mentre nei mercati rionali si nota ancora un po’ più di resistenza.

Comunque la strada ecologica è intrapresa.

Redazione Mole24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here