Home Arte Giardini d’autore a Palazzo Grosso: una mostra fuori dal clamore.

Giardini d’autore a Palazzo Grosso: una mostra fuori dal clamore.

23
SHARE
Giardini d’autore a Palazzo Grosso: una mostra fuori dal clamore. Riva presso Chieri Torino
Giardini d’autore a Palazzo Grosso: una mostra fuori dal clamore. Riva presso Chieri Torino

Lontano dai clamori e dalle luci della ribalta della ricca offerta culturale torinese, ha inaugurato una piccola ma interessante mostra appena fuori Torino e precisamente a Riva di Chieri.

Tra le verdi colline tra torinese e astigiano, domenica 7 settembre – e visitabile fino al prossimo 9 novembre – ha aperto i battenti la mostra Giardini d’autore.

I progetti di Leopold Pollack Faustina Mazzetti a Riva presso Chieri.

L’architetto viennese, attivo soprattutto in Lombardia al servizio degli Asburgo per i quali ha progettato la sontuosa Villa del Belgioioso a Milano, oggi nota come Villa Reale – è stato chiamato dalla Contessa Faustina Grosso con il compito di realizzare un meraviglioso parco con giardino all’inglese nella residenza estiva dei conti – attualmente nota come Palazzo Grosso.

Il palazzo originario è stato costruito per volere di Carlo Emanuele I di Savoia per la sua preferita Margherita Rossillion di Chatelard e nel 1753 la proprietà del feudo è passata ai conti Grosso di Brozolo: il castello, bruciato per mano dei francesi nel 1692, è rimasto a lungo fatiscente ed è stato ricostruito nel 1738 per mano dell’architetto Bernardo Vittone.

Giardini d’autore a Palazzo Grosso: una mostra fuori dal clamore. Riva presso Chieri Torino

Nel 1778 è passato per via ereditaria alla contessa Faustina Grosso a cui si deve il rinnovamento architettonico e la decorazione interna.

L’amministrazione del piccolo comune vicino Torino ha deciso di aprire i suoi archivi ricchi di testimonianze per far conoscere la preziosità di quello che dal 1855 è il luogo dove ha sede proprio il Comune e i suoi uffici.

Il palazzo piemontese conserva ancora un importantissimo ciclo di dipinti su muro, frutto di una campagna pittorica unica in tutto il Piemonte, realizzata per mano dei fratelli Torricelli di Lugano. Il progetto di Pollack così come tutto il piano di abbellimento del palazzo dimostrano sia un rilevante interesse da parte della contessa Faustina per la sua dimora che il suo gusto aggiornatissimo nei confronti delle correnti artistico – culturali dell’epoca.

La mostra vuole far conoscere la figura della contessa direttamente nel luogo da lei prediletto: attraverso i giardini all’inglese e le magnifiche sale si vogliono far dialogare le opere esposte – risultato dell’estro creativo di Giovanni Borgarello, scultore contemporaneo e vivente, di Cambiano – con gli affreschi che decorano le stanze – si snoda un percorso unico e di alto impatto. Il palazzo, inoltre, ospita il museo del Paesaggio Sonoro che vuole essere un ulteriore passaggio evocativo, in un percorso a tutto tondo.

Giardini d’autore a Palazzo Grosso: una mostra fuori dal clamore. Riva presso Chieri Torino

Grazie a questa iniziativa è possibile visitare anche l’appartamento reale di Carlo Emanuele I.

Sono previste una serie di attività didattiche e visite guidate gestite da Theatrum Sabaudiae Torino, società specializzata nella conduzione di visite guidate per ogni tipologia di target e che si avvale, dal 1999, della collaborazione di storici dell’arte, architetti e storici. Oltre alle visite guidate e ai percorsi per i più piccoli – realizzati nei giorni del 28 settembre e 5/12/19 ottobre – sono previsti una serie di incontri sia a Riva presso Chieri che a Torino, presso il Circolo dei Lettori, di approfondimento.

Il programma completo, ulteriori suggerimenti per la visita maggiori informazioni sugli eventi sono disponibili sul sito di Theatrum Sabaudiae Torino.

Nel giorno del 5 ottobre è previsto anche un servizio navetta Torino – Riva presso Chieri che può portare chi non ha mezzi propri direttamente a Palazzo Grosso.

Giardini d’autore. I progetti di Leopold Pollack per Faustina Mazzetti presso Palazzo Grosso – Riva presso Chieri (Torino). Dal 7 settembre al 9 novembre 2014 Orari: venerdì, sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 19 (ultimo ingresso alle ore 18). Le visite guidate si svolgono il sabato e la domenica alle ore 11 e alle ore 16. Per informazioni e prenotazioni: 0115211788 oppure prenotazioni@arteintorino.com

G.Copersito

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here