Home Cronaca di Torino General Electric continua lo sbarco a Torino

General Electric continua lo sbarco a Torino

7
SHARE
General Electric continua lo sbarco a Torino
General Electric continua lo sbarco a Torino

Quando si parla di investimenti esteri che languono dalle nostre parti, per fortuna occorre tenere presenti anche le felici eccezioni.

Secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, General Electric, dopo aver acquistato l’Avio (ex Fiat Avio) punta a realizzare un centro di ricerca alle Ogr, in collaborazione con il Politecnico di Torino e grazie al contributo della Fondazione Crt.

Per ora si parla di contatti, nulla di più, ma come si suol dire, se son rose fioriranno.

Un’intesa non è ancora stata formalizzata ma per il sindaco Piero Fassino l’ottimismo è tangibile: «General Electric – spiega il sindaco – ha deciso di rafforzare il proprio centro di ricerca proprio al Politecnico. Tutti i motori diesel del gruppo, dall’auto ai veicoli industriali, saranno ideati, progettati e sperimentati a Torino».

General Electric continua lo sbarco a Torino

Il giornale economico sottolinea anche la soddisfazione del rettore del Politecnico, Marco Gilli. «Innanzi tutto perché – spiega – Gm, che era partita con un centinaio di dipendenti nella cittadella politecnica, oggi ne conta circa 600. E con l’espansione nell’area delle Ogr, che fanno parte della cittadella, potrà assumere un altro centinaio di addetti, destinati ad aumentare. Ma anche perché i contatti per altri insediamenti, sempre alle Ogr, stanno proseguendo e dimostrano l’interesse crescente per la nostra attività».

 General Electric continua lo sbarco a Torino

Continua Fassino: «Le aziende stanno approfittando del background industriale di questa città – prosegue Fassino – e con le attività di ricerca innalzano il livello dell’attività produttiva».

In altre parole, Torino continua il suo progetto di affrancamento dall’industria propriamente detta, per gettare le basi di un futuro che parta dall’innovazione e dalla ricerca, come testimoniano i progetti che proprio dal Politecnico, spesso, vengono apprezzati in tutta Europa.

Redazione Mole24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here