Home Cronaca di Torino Torino incontra la birra con l’Open Fest Baladin

Torino incontra la birra con l’Open Fest Baladin

5
SHARE
Torino incontra la birra con l’Open Fest Baladin
Torino incontra la birra con l’Open Fest Baladin
Tempo di lettura: 2 minuti

 Nell’ultimo week end di agosto, la città di Torino presso piazzale Valdo Fusi diventerà una vera e propria capitale della birra.

L’evento avrà luogo presso l’Open Baladin, un locale che è stato inaugurato il 21 marzo di quest’anno.

 La struttura sin dalle origini si è posta un obiettivo più ambizioso dell’essere un normale locale che serve birra e offre serate piacevoli in compagnia: l’Open Baladin infatti, a detta del suo stesso ideatore Teo Musso, si configura come un tentativo di rendere Torino il centro culturale della produzione di birra artigianale nel Nord Italia.

Il progetto di Musso prende proprio il nome di “Open Baladin”, in onore dell’omonima birra creata ad hoc nel 2008 e i cui ingredienti siano diffusi sul web come risorse fruibili per tutti.

La diffusione virale della ricetta aveva come obiettivo quello di espandere la cultura della lavorazione artigianale della birra all’italiana, per poi diffonderla attraverso dei locali creati apposta in tutta Italia. L’Open Baladin di piazzale Valdo Fusi è il terzo riuscito tentativo di diffusione del fenomeno in Italia e offre una ricca varietà di birre artigianali completamente Made in Italy.

Torino incontra la birra con l’Open Fest Baladin

 L’evento del 30 e 31 agosto si configura come la celebrazione dei 18 anni di vita della produzione di birra artigianale in Italia (presente dal 1996) e ospiterà nella nostra città 160 etichette e decine di maestri della birra italiana pronti a mostrare la loro arte e a raccontare la loro storia.

Correlato:  Gli outlet del Piemonte a portata di navetta

Alla base dell’evento ci sarà l’importanza di assaggiare un po’ tutte le birre proposte, sapientemente abbinate ai cibi che meglio ne esaltano i gusti. A questo proposito parteciperanno: il Consorzio della Focaccia di Recco, la cucina piemontese con gli gnocchi fritti e la patata ripiena, il Lampredotto fiorentino, la cucina tipica pugliese e lo street food dello chef Kumalé.

 Tra le positività legate all’evento, va ricordata anche l’occasione di “pace” che questo rappresenta per il controverso rapporto avuto fino ad oggi con la comunità di skaters presenti al piazzale Valdo Fusi. Questi ultimi, scontenti della continua presenza di fan della birra che occupavano i loro spazi di manovra, non avevano mai dimostrato troppa simpatia per il locale, tuttavia, grazie anche alle idee innovative di Teo Musso che ha dedicato persino una birra (la Pop) al mondo degli skaters, le divergenze sembrano essersi appianate, rendendo la festa di questo week end come un momento di celebrazione per tutti i frequentanti del piazzale.

Torino incontra la birra con l’Open Fest Baladin
Torino incontra la birra con l’Open Fest Baladin

 L’occasione dell’Open Fest Baladin sarà quindi una vera e propria kermesse del gusto, sia a livello di cibo che di birre artigianali, un’occasione unica per gli amanti del luppolo e anche per coloro che volessero diventarlo nel prossimo futuro.

Questo è solo il primo di una serie di eventi che presso l’Open Baladin vedranno la celebrazione della birra artigianale nella nostra città da qui fino alla fine dell’anno.

Correlato:  12 novembre: i vigili urbani di Torino compiono 227 anni

Francesca Palumbo



Commenti

SHARE