Home Territorio Velomobile: quando auto e bicicletta si incontrano a Torino

Velomobile: quando auto e bicicletta si incontrano a Torino

113
SHARE
Velomobile: quando auto e bicicletta si incontrano
Velomobile: quando auto e bicicletta si incontrano

La benzina costa troppo? Volete assaporare la comodità dell’automobile senza rinunciare a tenervi in forma?

Presto potrete farlo, se il prototipo di “Velomobile” di ultima generazione verrà messo in commercio.

Velomobile: quando auto e bicicletta si incontrano

Il progetto, chiamato anche “S-Trike”, è rigorosamente made in Turin: studiato e messo a punto dal gruppo studentesco ‘Policumbent’ del Politecnico di Torino, che grazie all’idea ha vinto l’Engineering award, premio della prima edizione dello Student Challenge europeo per veicoli a propulsione umana con un velomobile modulare pensato per i tragitti sub-urbani.

Traduciamo queste parole tecniche e non poco complesse: con “S-Trike” si può pedalare, ma il veicolo può essere anche assistito elettricamente, garantendo una velocità fino a 30 chilometri all’ora e un’autonomia fra i 10 e i 30 chilometri.

Velomobile: quando auto e bicicletta si incontrano

In termini tecnici, si tratta di un mezzo a pedali con possibile assistenza elettrica, 3 ruote in configurazione tadpole, seduta reclinata e una carenatura in materiale composito che svolge una triplice funzione: protezione in caso di urto, riparo dalle intemperie e miglioramento dell’efficienza aerodinamica.

Insomma, un prodotto di ultima e altissima tecnologia, che potrebbe essere una valida alternativa per la mobilità a breve raggio, garantendo inoltre un grado di sostenibilità massimo: non a caso nel Nord Europa i Velomobile si stanno gradualmente diffondendo.

E a un prezzo forse nemmeno proibitivo, se si pensa che un modello americano, chiamato Elf, venne venduto per pochi esemplari a 4000 dollari.

Insomma, una grande idea, confermata dalla vittoria nello Lo Student challenge che si è svolto quest’anno in Francia dall’8 al 10 agosto, e una grande idea che non si ferma qui: fra poco partiranno gli studi per implementare il prototipo e renderlo capace di stare su strada (dotandolo di tutte le attrezzature necessarie), in vista di una possibile commercializzazione.

Andrea Besenzoni

(Foto: Policumbent.it)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here