Home Innovazione Torino.com e Torino.it : i domini sono ancora liberi?

Torino.com e Torino.it : i domini sono ancora liberi?

1
SHARE
Curiosità: Torino.com e Torino.it sono liberi!
Curiosità: Torino.com e Torino.it sono liberi!

I domini “Torino.com” e “Torino.it” potrebbero essere liberi. Il condizionale è d’obbligo, dal momento che, se digitando www.torino.it il risultato è il nulla (una pagina di errore), con il suffisso “.com” si legge un messaggio secondo il quale il dominio protrebbe essere in vendita.

Ma il succo è lo stesso: non esistono siti divulgativi di nessun tipo chiamati www.torino.com e www.torino.it

Un dato assai curioso, se si pensa che lo stesso dicesi per altre due grandi città a caso, come Roma e Milano.

O meglio, Roma.com esiste, ma è una ditta di design.

Curiosità: Torino.com e Torino.it sono liberi!

Si diceva, un dato curioso.

Eppure sarebbe molto comodo, per chi volesse accedere a un portale di informazioni di qualsiasi tipo legate a Torino, avere un dominio del genere.

Ma non è in vendita oppure non è ancora stato comprato? Pare la prima ipotesi, a giudicare dalla paginata che si apre digitando, appunto, www.torino.com.

Chiariamo, sempre per i non avvezzi, cosa significa comprare un dominio. Quando si vuole aprire un sito, la rete offre una serie di servizi che, a un costo praticamente irrisorio, permettono di acquisire uno spazio e per renderlo reperibile, di dargli un nome. Per esempio, “www.torino.com”. Che, attualmente, è ancora libero nel mare magnum del web.

Ma vediamo cosa appare, invece, se digitiamo “Torino” su Google.

Curiosità: Torino.com e Torino.it sono liberi!

Praticamente appare principalmente una serie di siti istituzionali, preceduti dall’ormai immancabile pagina di Wikipedia.

Comune, Provincia, Università degli Studi e Politecnico, TorinoFC, Aeroporto, Camera di Commercio, Turismo Torino, Museo Egizio, Salone del Libro, ma anche Torino Smart City, Teatro Regio, Cus Torino, vari ordini professionali.

Insomma, una ricerca con il nome della nostra città, senza ulteriori specifiche, fornisce una serie di risultati, come sempre accade, di pubblica utilità.

Correlato:  A Torino nasce l'elettrocardiografo da polso grazie al Politecnico

Curiosamente occorre scorrere 4 pagine di risultati per reperire MetroTorino, ma anche per imbattersi nel sito ufficiale della Regione Piemonte, che è vero non ha Torino nel nome, ma la ha pur sempre come capoluogo.

 

A.Bes.

(Clicca qui per seguirci anche su Facebook!)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here