Home Cronaca di Torino La lunga estate dei grattacieli torinesi

La lunga estate dei grattacieli torinesi

1
SHARE
La lunga estate dei grattacieli torinesi
La lunga estate dei grattacieli torinesi

Non è stata un’estate facile per il Grattacielo della Regione.

Prima il tentativo, riuscito, di “violarlo” da parte di alcuni manifestanti, poi le parole al vetriolo dell’Archistar Fuksas, autore del progetto che sta sorgendo nell’area Nizza Millefonti.

“Torino, geograficamente parlando, è una città con pochi sbocchi e per non accartocciarsi su se stessa ha bisogno di aperture verso l’esterno”, è una delle frasi più gentili di Fuksas, che ha scagliato strali contro le decisioni future sul suo grattacielo (in particolare quali attività inserire, oltre ovviamente agli uffici), chiudendo con un bel “È una città chiusa e questo si rispecchia nella società”.

Alè.

La lunga estate dei grattacieli torinesi

E come se non bastasse arriva l’ultima notizia: non sarà il grattacielo targato Fuksas l’opera architettonica più alta d’Italia, palma che spetterà alla Torre Isozaki di Milano.

Ironia della sorte, firmata da quell’Isozaki che ha costruito il palazzetto dell’Hockey Olimpico, diventato negli anni polo d’attrazione per i concerti delle più grandi star mondiali.

Comunque, si tratta di una sconfitta sul filo di lana, superando entrambe le torri quota 200 metri e modificando l’attuale sky line con la Mole Antonelliana indiscussa protagonista, ma tant’è: il grattacielo piemontese, che a conti fatti sarà costato più di 250 milioni di euro e che dovrebbe essere terminato a fine anno, non sarà il più alto d’Italia.

Concorre a questa classifica anche il Grattacielo Intesa Sanpaolo, la cui inaugurazione che si sarebbe inizialmente dovuta tenere in estate sarà posticipata a fine 2014.

La lunga estate dei grattacieli torinesi

Anche questa un’opera faraonica, dal costo di circa 300 milioni e dalla firma eccellente: Renzo Piano.

E potrebbero questi due non essere gli unici edifici che cambieranno lo skyline di Torino, dato che il piano regolatore prevede la costruzione, nei prossimi decenni, di un numero di torri variabile fino a sei.

La Torino Manhattan vi aspetta.

 

Redazione Mole24

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here