Home Cronaca di Torino Movida, anche San Salvario protesta

Movida, anche San Salvario protesta

11
SHARE
Movida, anche San Salvario protesta
Movida, anche San Salvario protesta
Tempo di lettura: 2 minuti

Non c’è pace per la Movida torinese.

La città è stata dei Murazzi, dai quali sembrano definitivamente scomparsi i locali notturni in nome di una gestione che si svolgerà di giorno: il punto di forza, si sa, è la spiaggia sul modello Paris Plage, che però non sta vivendo giorni felici, anche a causa di un meteo a dire poco ballerino.

Ma non c’è pace nemmeno per San Salvario, che nell’immaginario dei giovani e meno giovani torinesi ha sostituito proprio i Muri. Con grande gioia di clienti e gestori, con tormento di chi vive.


Movida, anche San Salvario protesta

Da qui le misure restrittive che impongono un orario di chiusura, le due di notte per i dehors e le tre all’interno.

Ordinanza che fa discutere, e che ha portato gli avvocati Francesco Dal Piaz e Francesco Russo notificare al Comune il ricorso al Tar contro un provvedimento ritenuto “contraddittorio, vessatorio e scorretto nei confronti di commercianti e gestori che hanno pagato le tasse e ora si vedono decurtare gli introiti in base ai quali hanno fatto i loro investimenti”.

“Inoltre questa ordinanza – le parole di Dal Piaz, a nome di decine di gestori di locali di San Salvario – non tiene conto della legge nazionale che ha liberalizzato l’orario dei locali commerciali.

Ma il Tar dovrà invece farlo”. I due legali parlano addirittura di “sequestro di persona” rispetto all’impossibilità dei clienti dei locali di San Salvario, disposta dall’ordinanza, di uscire dalle mura con in mano una bevanda.

Movida, anche San Salvario protesta


“Invece di ordinanze che non si capisce perché vengono definite ‘urgenti’ – concludono – il Comune potrebbe pensare a migliorare la situazione con interventi strutturali, come l’introduzione della Ztl e un maggior impiego di forze dell’ordine”.

E la protesta di San Salvario si unisce a quella del Lingotto per la chiusura imposta al villaggio Latinoamericano. Non c’è che dire: l’estate, fredda meteorologicamente, si sta rivelando caldissima

Correlato:  Fiat-Chrysler: diamo i numeri

 

La Redazione di Mole24

 

 



Commenti

SHARE