Home Cronaca di Torino A Torino scendono i prezzi: la crisi adesso fa paura

A Torino scendono i prezzi: la crisi adesso fa paura

2
SHARE
A Torino scendono i prezzi: la crisi adesso fa paura
A Torino scendono i prezzi: la crisi adesso fa paura

Tanto tuonò che alla fine piovve.

Per una volta non ci stiamo riferendo al clima di questa pazza estate. costellata da continui e potenti temporali, ma alla contrazione del costo dei prodotti e dei beni in vendita a Torino.

Secondo le ultime analisi dell’Istat, pubblicate ieri pomeriggio, il costo del paniere dei beni a Torino – l’indice con cui si misura le variazioni del costo  dei prodotti e dei beni venduti in Italia –  nel capoluogo piemontese, così in come in altre grandi città è sceso.

Insomma è iniziata la deflazione.

Un fenomeno tutt’altro positivo per l’economia visto che conclama a tutti gli effetti la condizione di crisi in cui stagna la nostra economia e che non deve essere trascurato.

A Torino scendono i prezzi: la crisi adesso fa paura

A livello macroeconomico, infatti, la contrazione dei consumi è qualcosa di più di un “campanello d’allarme” per l’economia,visto che significa che la domanda è inferiore all’offerta e così, al mercato non resta che abbassare i prezzi.

I torinesi,insomma, non riescono a sostenere tutte le spese di una volta e così, sono costretti a effettuare dei tagli che, alla lunga, ricadono sulle aziende produttrici.

Un trend molto pericoloso a cui bisogna trovare subito una soluzione, visto che il perdurare di uno stato di deflazione porta l’economia al fallimento e lo Stato al Default.

Per fare un esempio della gravità della situazione basti pensare che i vincoli economici per gli stati membri posti dalla Comunità Europea prevedono una crescita costante dell’ ‘inflazione annua pari al 2%, una variabile che se controllata  consente la crescita produttiva e l’espansione di un’economia.

Torino, nell’ultimo periodo ha avuto la frenata maggiore con una deflazione pari allo 0,4%rispetto allo scorso anno, seguita da Firenze e Bari fanno che si attestano ad un meno  0,3%, e da Roma meno 0,2%,

Correlato:  Pininfarina prossima a diventare indiana

 

La Redazione di Mole24

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here