Home Arte Gli italiani visti dalla televisione

Gli italiani visti dalla televisione

7
SHARE
Gli italiani visti dalla televisione Torino
Gli italiani visti dalla televisione Torino

C’è stato un tempo in cui ai bambini, per mandarli a dormire, si diceva “Carosello e poi a letto”: un programma televisivo fungeva da spartiacque tra la dura giornata di lavoro ed il meritato riposo serale. A quei tempi Carosello lo guardavano tutti: le famiglie si riunivano, genitori e figli, dopo aver cenato, davanti a quella scatola che premendo un pulsante si animava, e che era ancora così affascinante ed avvolta da un’aura di mistero.

La magia del Carosello dura vent’anni esatti, dal 1957 al 1977, accompagnando giorno per giorno ( o meglio, sera per sera) l’evoluzione di una società e cambiandone i costumi e gli stili di vita. Carosello, pur essendo, probabilmente, il più emblematico, non è l’unico programma che ha fatto la storia della televisione: si pensi al varietà, oppure ai giochi a premi come Lascia o Raddoppia? condotto da Mike Bongiorno.

Questi programmi appartengono sicuramente ad un’altra epoca storica, un’altra generazione, una società con stili di vita molto differenti da quelli odierni, con diversi obiettivi e diversi problemi da affrontare.

Per le nuove generazioni, per le quali televisione equivale a Pay Tv, abbonamenti per seguire tutte le partite di campionato della propria squadra del cuore e la nuova stagione della propria serie preferita in esclusiva assoluta, comprendere ed apprezzare quella televisione, antesignana di quella odierna superaccessoriata, risulta alquanto difficile.

Per venire incontro alle esigenze di recupero di tale memoria storica vengono così aperti al pubblico gli archivi del Museo della Pubblicità, ospitati presso il Castello di Rivoli, attraverso un progetto espositivo curato da Massimo Melotti con la consulenza scientifica di Peppino Ortoleva (Università degli Studi di Torino).

Correlato:  Torino, una città che ti apre lo sguardo.
Gli italiani visti dalla televisione Torino
Gli italiani visti dalla televisione Torino

Il progetto si articola in una serie di percorsi tematici dedicati ai linguaggi contemporanei e ad un periodo storico definito. Il primo percorso, dal titolo Gli italiani visti dalla televisione. Da Lascia o Raddoppia? a Carosello, è stato inaugurato l’1 luglio ed è dedicato al periodo tra gli anni Cinquanta e i Settanta. La video rassegna è ospitata al secondo piano della Manica Lunga del Castello e permette di assistere a proiezioni tramite un’installazione multimediale, di consultare materiali storici da postazioni informatiche e di vedere trasmissioni televisive e film secondo una programmazione stabilita.

Lo spettatore può immergersi così, tramite l’installazione multimediale, in una carrellata di filmati d’epoca che presenta spezzoni delle trasmissioni più popolari dei due decenni presi in considerazione dalla rassegna, dai quiz a premi ai programmi di varietà, intervallati da interventi di esperti. Negli anni della rinascita la televisione risulta ancora caratterizzata da un linguaggio ingenuo o derivato dal teatro e dal cinema, entrando nelle case degli italiani come una finestra sul mondo, con gli slogan che entreranno nel linguaggio di ogni giorno.

Gli italiani visti dalla televisione Torino

Le postazioni informatiche consentono invece di navigare nella Mediateca del Museo della Pubblicità, ricca di materiali e documentazione proveniente dal fondo Sipra Rai, Rai Teche e dagli archivi aziendali che fanno parte della collezione del museo.

Infine, nella sala abitualmente dedicata ai convegni è possibile assistere ad una programmazione di film e video. Una serie di questi ultimi è dedicata alle presentazioni delle edizioni del dopoguerra delle Biennali di Venezia, che strappano anche qualche sorriso per il poco amore (per usare un eufemismo) di taluni giornalisti nei confronti di artisti e opere un po’ troppo “radicali”. Per chi volesse fermarsi qualche minuto in più, il documentario curato da Franco Simongini Ritratto di scultore giovane: Pino Pascali è davvero

Correlato:  Il Cavalier calabrese Mattia Preti in mostra alla Venaria Reale.

interessante, mentre tra gli altri film si possono citare i Comizi d’amore di Pier Paolo Pasolini ed un racconto sulla società del tempo dell’Italia preindustriale in Viaggio nella valle del Po di Mario Soldati

Gli italiani visti dalla televisione Torino

Gli italiani visti dalla televisione. Da Lascia o Raddoppia? a Carosello

A cura di Massimo Melotti

1 luglio – 16 novembre 2014

Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea

Piazza Mafalda di Savoia, Rivoli

Emanuele Bussolino

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here