Home Cronaca di Torino Nuove strisce blu all’orizzonte? Il Comune ci pensa.

Nuove strisce blu all’orizzonte? Il Comune ci pensa.

0
SHARE
Nuove strisce blu all'orizzonte? Il Comune ci pensa.
Nuove strisce blu all'orizzonte? Il Comune ci pensa.

A Palazzo Civico, lo scorso fine settimana, si è tornato a discutere dell strisce blu, ma questa volta non per capire la costituzionalità o meno del far pagare i residenti nel parcheggiare la propria vettura all’interno delle aree di sosta cittadine,  Questa volta, purtroppo, per i torinesi, l’argomento all’ordine del giorno dell’amministrazione cittadina riguardava l’aumento del numero parcheggi a pagamento in molti quartieri di Torino.

Per ora si tratta soltanto di una serie d’ ipotesi per far cassa da parte del Comune, ma quella che sembra aver maggior possibilità  d’attuazione dovrebbe essere la  delibera approvata lo scorso agosto che prevede l’aumento di altri 22.000 parcheggi a pagamento.

Parcheggi la cui gestione sulla carta sarebbe dovuti essere affidati a società private, ma il cui progetto è poi naufragato e che ora potrebbero diventare nuove strisce blu.

E’ infatti difficile che anche quest’anno, Palazzo Civico per rimpinguare le proprie finanze aumenti nuovamente il costo del servizio di mensa scolastico, quindi le e nuove zone in cui parcheggiare la propria vettura costerà 1 euro al giorno dovrebbero essere:

– Corso Francia (fino in piazza Bernini)

– largo Orbassano

– zona Vanchiglia

– Ospedale Molinette.

 

Nuove strisce blu all'orizzonte?  Il Comune ci pensa.

Area di sosta che si andrebbero a sommare alle 48.000 già disegnate per le vie e le strade cittadine portando così il totale dei parcheggi a pagamento a 70.000 con un ulteriore guadagno di altri 2 milioni di euro annui da parte di Gtt, arrivando dagli attuali 12 milioni a 14 annui.

Altra ipotesi non da escludere, in concomitanza della crescita dei parcheggi a pagamento è quella dell’aumento dell’abbonamento per i residenti passando  dagli attuali 45 euro al mese a 60.

La Redazione di Mole24 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here