Home Enogastronomia Expo 2015: la strada del riso di Vercelli per scoprire il “mare...

Expo 2015: la strada del riso di Vercelli per scoprire il “mare a quadretti”

215
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

In principio fu Silvana Mangano nell’immortale “Riso Amaro”, oggi le mondine sono donne (e uomini) di tutto il mondo, curvi sulle piantine con l’acqua al ginocchio per sbarcare il maledetto lunario.

Expo 2015: la strada del riso di Vercelli per scoprire il "mare a quadretti"
Expo 2015: la strada del riso di Vercelli per scoprire il “mare a quadretti”

Da sempre è Vercelli la capitale delle risaie piemontesi ed italiani, con oltre il 60% della produzione regionale ed il 30% di quella nazionale colta nella sola sua provincia. Una tradizione secolare di oltre 70 mila ettari suddivisi in regolari vasche allagate che oggi entra in una dimensione nuova, quella del marketing.

In previsione dell’Expo 2015 che porterà milioni di persone da ogni angolo del globo a meno di un’ora di auto da Vercelli, la Regione Piemonte ha approvato la nascita della “Strada del riso vercellese di qualità“.

Expo 2015: la strada del riso di Vercelli per scoprire il "mare a quadretti"

39 comuni, 36 enti ed associazioni di categoria, 30 aziende risicole e 26 ristoranti hanno già aderito a questo progetto per promuovere il territorio e la tradizione che da sempre genera chicchi d’eccellenza.

Sarà un vero e proprio cammino agroalimentare che si snoderà da Gattinara a Cigliano e Borgo Vercelli per far conoscere a tutti le diverse qualità di rose coltivate, i metodi innovativi che affondano le loro radici nello storico canale Cavour.

Expo 2015: la strada del riso di Vercelli per scoprire il "mare a quadretti"

Per i turisti che decideranno di avventurarsi tra strade sterrate e bialere, anche la possibilità di scoprire la fauna che popola questo “mare a quadretti”, tra uccelli meravigliosi e insetti molto meno apprezzati, il tutto inserito in un microclima unico nel suo genere.

Correlato:  Scalo Vanchiglia, tradizione e sapore

Dall’ospitalità delle strutture alberghiere, alle innovazioni tecnologiche per produrre uno dei cereali più diffusi nel mondo, passando per un passeggiata in campagna o una scorpacciata in una trattoria di paese, tutto verrà messo alla prova dai visitatori dell’Expo e da quanti, in anteprima, vorranno già iniziare a testare la Strada del riso di Vercelli. Un percorso da leccarsi i baffi.

Marco Parella



Commenti

SHARE