Home Cronaca di Torino Fassino in Marocco: scambi, culturali e non solo, in vista

Fassino in Marocco: scambi, culturali e non solo, in vista

5
SHARE
Fassino in Marocco: scambi, culturali e non solo, in vista
Fassino in Marocco: scambi, culturali e non solo, in vista
Tempo di lettura: 2 minuti

Si conclude oggi la missione di promozione della Città di Torino per gli aspetti legati agli ambiti culturali, economici e turistici.

Piero Fassino, a Rabat, ha incontrato mercoledì scorso il Ministro per la Cultura, Mohammed Amine Sbihi per approfondire le azioni di cooperazione cultuale tra Torino e le realtà cittadine marocchine e successivamente è stato ricevuto dal Sindaco di Rabat, Fathallah Oulalou.

Fassino in Marocco: scambi, culturali e non solo, in vista

Altri appuntamenti a Rabat sono stati con il Ministro per i cittadini marocchini residenti all’estero e all’immigrazione Anis Birou.

Ieri tappa a Fes, in occasione del Secondo Incontro Internazionale delle Città Amiche e Gemellate di Fès e in quella sede è stato siglato, con il Sindaco di Fès, un accordo di collaborazione fra le due Città.

Altri incontri in agenda erano con il Sindaco di Fès, Hamid Chabat e il Direttore Regionale del Centro per gli Investimenti, Hamid Boukir.

Infine oggi: si è concluso il convegno delle Città Amiche e Gemellate di Fès, e nel tardo pomeriggio si svolgerà la serata inaugurale della 20^ edizione del Festival delle Musiche Sacre del Mondo.

“Torino ha una vocazione internazionale anche dovuta alla massiccia, e ben integrata, presenza di stranieri sul proprio territorio”.

Ha commentato il Sindaco Piero Fassino alla vigilia della missione in Marocco. “La comunità
marocchina a Torino è la seconda per dimensione e in città sono presenti diverse associazioni culturali.

Fassino in Marocco: scambi, culturali e non solo, in vista

Gli imprenditori a Torino sono oltre 4.600 e oltre la metà di questi si concentrano nel commercio al dettaglio e ingrosso e nelle costruzioni.

Il Centro Interculturale della Città di Torino realizza diverse iniziative con attenzione al mondo arabo e ai cittadini del Maghreb, così come il sistema bibliotecario e i servizi educativi. Questa è la conferma della grande importanza che ha per Torino la presenza marocchina in città”.

Correlato:  Un debito da 2.300 euro per ogni piemontese

Torino ha negli anni intrecciato relazioni bilaterali di collaborazione con il Marocco, in particolare con Rabat, Casablanca e Fès. “Per incrementare ulteriormente i rapporti e la condivisione fra le due comunità, ha concluso Fassino, rinnoveremo con la città di Fès un accordo di collaborazione.

Un’intesa che favorirà lo scambio di esperienza e di tecnologie attraverso  missioni tecniche. Per quanto riguarda la collaborazione culturale, Torino e Fès si adopereranno per promuovere e realizzare attività che favoriscano la cooperazione culturale tra le istituzioni culturali dei rispettivi territori. Le esperienze culturali fra le nostre due realtà cittadine hanno avuto dal 2011 ottimi e concreti risultati con scambi fra il Festival des Musiques Sacrées du Monde Fès e MI.TO SettembreMusica”.

A cura di redazione Mole24 – Fonte: Torinoclick



Commenti

SHARE