Home Enogastronomia Wine Museum: il museo del vino di Barolo

Wine Museum: il museo del vino di Barolo

5
SHARE
Wine Museum: il museo del vino di Barolo
Wine Museum: il museo del vino di Barolo

Nel cuore delle Langhe, all’interno del Comune di Barolo, sorge una realtà completamente dedicata al vino unica al mondo: il Museo del Vino, denominato “Wine Museum”.

Il Museo, nato nel 2010, trova la sua sede all’interno dell’affascinante Castello Faletti, appartenuto storicamente alla famiglia Faletti e nel 1970, dopo un periodo di abbandono, è stato acquistato dal Comune di Barolo.

 

Wine Museum: il museo del vino di Barolo

Non si tratta del solito percorso museale didattico, dove viene ricostruito il processo di produzione del vino, ma l’intento dell’allestitore museale François Confino, fra i più quotati e famosi al mondo, è stato, come recita lui stesso, quello di <<creare un percorso di visita poetico. Non un luogo dove si apprende come si fa il vino, ma un luogo che parli del rapporto tra noi e “lui”>>.

Il Wine Museum è un percorso discendente strutturato su otto piani, che partendo dalla terrazza, attraverso un susseguirsi di sale, termina con l’arrivo alle antiche cantine del Castello, dove appunto nacque il Barolo. Il tutto è corredato da luce e buio, colori, suoni, video, che permettono di coinvolgere il visitatore raccontandogli il “vino”.

A livello tematico, si parte dalla natura ed in seguito viene affrontato il discorso enologico nell’arte, nel cinema, in cucina, nella letteratura, nei miti universali e nelle tradizioni locali.

Inoltre all’interno troviamo anche un omaggio al suo castello e ai personaggi che lo hanno abitato come gli ultimi Marchesi Falletti di Barolo, Carlo Tancredi e Juliette Colbert. Infine, giunti nelle cantine storiche, è possibile ammirare grandi etichette ed annate memorabili.

Wine Museum: il museo del vino di Barolo

Il Museo è una realtà viva che offre ai visitatori, oltre al particolare percorso museale, anche kermesse, mostre personali, concerti e una serie di eventi sul territorio.

Correlato:  Roero Arneis: un vino per l'estate

 

Clara Lanza

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here