Home Cronaca di Torino Contro l’emergenza abitativa scende in campo il Comune

Contro l’emergenza abitativa scende in campo il Comune

SHARE
Contro l'emergenza abitativa scende in campo il Comune
Contro l'emergenza abitativa scende in campo il Comune
Tempo di lettura: 2 minuti

La crisi economica continua a mordere forte e a far sentire i suoi pesanti effetti sul reddito di tante famiglie, contribuendo a far crescere, anno dopo anno, il numero delle persone che rischiano di restare senza casa.

Non solo, come abbiamo scritto proprio questa mattina la situazione sfratti a Torino è drammatica.

A evidenziarlo sono i dati raccolti dal X rapporto dell’Osservatorio sulla condizione abitativa della Città di Torino che il vicesindaco Elide Tisi ha presentato qualche giorno fa nel corso del seminario “Tra nuove povertà e bisogni abitativi: quali sfide per i grandi Comuni”, organizzato dall’istituto di ricerca IRS (Istituto per la Ricerca Sociale)
in collaborazione con l’assessorato ai Servizi sociali e alla Casa del Comune di Torino, nell’ambito dell’iniziativa Welforum Grandi Comuni.

Contro l'emergenza abitativa scende in campo il Comune
“Sono tante le famiglie che a Torino vivono una situazione di particolare difficoltà. Gli sfratti per morosità, nel corso del 2013 – ha sottolineato Tisi illustrando il documento sulla condizione abitativa nel capoluogo piemontese – hanno subito un’ulteriore crescita rispetto al 2012, anno in cui si era già registrato un forte aumento rispetto a
quello precedente”.

Contro l'emergenza abitativa scende in campo il Comune
“Il disagio abitativo – ha aggiunto il vicesindaco – è ormai un’emergenza che coinvolge strati sempre più crescenti di popolazione. Il perdurare della crisi economica tende a rendere insostenibili i costi dell’abitare per molte persone, onerosi anche per chi vive in condizioni abitative stabili. Spesso il pagamento del mutuo, o quello di un affitto, assorbe una porzione troppo grande del reddito familiare”.

Cosa fa allora il Comune per venire incontro a queste situazioni di difficoltà? “Si è cercato di coniugare le tradizionali modalità d’intervento, incentrate sull’edilizia residenziale pubblica, con un sistema alternativo, orientato
da un lato al mercato attraverso collaborazioni tra pubblico e privato in un quadro di reciproche convenienze economiche e sociali (ad esempio favorendo, attraverso l’agenzia Locare, il contatto tra la domanda di abitazioni e il mercato privato della locazione), e dall’altro con la ricerca di soluzioni temporanee, come l’housing sociale, per
quelle famiglie che perdono la casa”, le parole di Tisi.

Correlato:  Papa Francesco a Torino? Non prima del 2015

Inoltre, per far fronte all’emergenza sfratti, nel 2013 è stato anche istituito un “fondo salvasfratti”, finanziato con contributi delle fondazioni bancarie torinesi.

Ma non basta:  “Servono inoltre – ha dichiarato Tisi – politiche di contrasto alle povertà non assistenziali, ma generative e, a livello regionale, occorre agire sia attraverso una revisione della legge regionale 3 del 2010 sulla casa, sia mediante nuovi e diversi modelli gestionali delle agenzie territoriali per la casa”.

 

A cura di Redazione Mole24 – fonte: Torinoclick

 

 



Commenti

SHARE