Home Cronaca di Torino Torino: allarme bocconi avvelenati

Torino: allarme bocconi avvelenati

19
SHARE
Torino: allarme bocconi avvelenati
Torino: allarme bocconi avvelenati
Tempo di lettura: 2 minuti

L’infamia non ha fine.

E’ passata solo qualche settimana dai casi di via Somalia quando pochi giorni fa in via Negarville, Mirafiori Sud, un altro cane è stato vittima di un malore.

Esito scontato: intossicazione da veleno.

Oramai dopo le innumerevoli situazioni come quella di via Monte Sei Busi, dove ad aversela vista brutta è stata una colonia di gatti, si può affermare che qualcuno attenta volontariamente alla vita dei nostri animali domestici e in alcuni casi randagi.

Torino: allarme bocconi avvelenati

I primi ad avere alzato la guardia sono stati gli uomini della LIDA, Lega Italiana Diritti degli Animali, avvisando da subito i padroni degli animali a seguire semplici ma preziose regole per evitare storie già passate.

In primis, non portare i nostri amici a 4 zampe nei prati ove ci sia erba alta. Evitare in secondo luogo di lasciarli liberi, dando modo di mangiare qualcosa a nostra insaputa.

Ed infine avvisare prontamente la LIDA (qui) , nel caso in cui ci si imbattesse in qualche oggetto strano lasciato per terra o alla vista di qualche figuro intento a “mollare” cibi laddove i cani vengono portati a passeggio.

Torino: allarme bocconi avvelenati

Solitamente i “bocconi del delitto” sono carne riempita di colla, chiodi, cocci di vetro, veleno per i topi o altri tipi di sostanze che, se ingeriti, in pochissimo tempo distruggono lo stomaco dello sfortunato animale.

Correlato:  Hotel Dog friendly? Torino prima della classe

Tali ineccepibili barbarie, sono state purtroppo già argomento di discussione sul nostro sito, ove ad esempio abbiamo illustrato i primi soccorsi da rivolgere al Fido di turno.

Ma a pensarci bene, se nel momento in cui una persona digita su Google “bocconi avvelenati torino” alla ricerca di informazioni a riguardo, e vede comparire risultati come “bocconi avvelenati preparazione” e “come preparare boccini avvelenati per volpi”, tra le ricerche correlate, buon cielo, qualcosa non funziona.

Insomma, mi può sta bene la libertà di informazione, ma se qualche paginetta venisse cancellata dai motori di ricerca, tutto sommato non sarebbe questo grande disagio.

 

Damiano Grilli



Commenti

SHARE