Home Arte Invasione di campo. Juventus Stadium (VS) GAM: apparentemente.

Invasione di campo. Juventus Stadium (VS) GAM: apparentemente.

2
SHARE
Invasione di campo. Juventus Stadium (VS) GAM: apparentemente.
Invasione di campo. Juventus Stadium (VS) GAM: apparentemente.
Tempo di lettura: 2 minuti

Finito il campionato, finita la festa per la metà del cielo calcistico torinese ormai si è già proiettati per un’estate sempre all’insegna del calcio, con i mondiali carioca.

Ma, anche se partita in sordina – e probabilmente molti tifosi in visita allo Juventus Stadium non ci hanno neanche dato molta attenzione – dal 18 aprile è iniziata una collaborazione tra la GAM e lo stadio dei bianconeri.

Due mondi apparentemente lontani che ora vivono insieme per promuovere nuovi artisti: un vivaio artistico, preludio a tutto quello che accadrà nel 2015, quando Torino sarà Capitale dello Sport.

Sono stati scelti quattro giovani artisti: Francesco Barocco, Gianni Caravaggio, Rä di Martino e Sissi; tutti e quattro presenti nelle collezioni della galleria cittadina che hanno avuto notevole successo in mostre personali e collettive, in varie parti del mondo.

Ognuno di loro ha realizzato un’installazione nel tempio calcistico della Juventus, traendo ispirazione dopo una visita in un luogo poco affine all’arte ma che ha delle vibrazioni particolari.

Anche solo per la forza che lo sport ha sulle persone. Il filo conduttore è ovviamente il calcio ma dal punto di vista del calciatore, la forza del gesto atletico colto in momenti particolari.

Invasione di campo. Juventus Stadium (VS) GAM: apparentemente.
I

Si parte dall’Ercole di Francesco Barocco che rappresenta la forza dello sport attraverso un altare improvvisato alla divinità della Forza sul quale si accatastano gli ex-voto dei giornali sportivi, passando attraverso l’installazione più ‘concettuale’ di Gianni Caravaggio che un rettangolo di paesaggio lacerato dalla forza dirompente di un cuneo di materia dà la sua idea di sport e arte nel quale il campo da gioco è un ritaglio dell’Universo.

Correlato:  Roy Lichteistein: un VIP alla Gam di Torino.

E ancora, Rä Di Martino che presenta due scatti fotografici in cui il corpo del calciatore è ripreso in un salto nel centro del campo da gioco, nel momento dell’atterraggio, frontale e laterale. Un salto nel centro del campo da gioco, è la figura simbolica di un atto atletico, felicità e agonismo in uno scatto, la forza e l’improvvisazione di un istante in cui si consuma la vittoria e la sconfitta; e infine Sissi, artista che con il mezzo della grafica – grandi disegni, incisioni, xilografie – mette al centro dell’interesse il corpo dell’atleta con uno sguardo apparentemente medico che si diluisce poi un una dimensione poetica.

Nello stesso periodo della mostra allo Juventus Museum, la GAM espone le opere dei quattro artisti già presenti nelle collezioni.

L’obiettivo è quindi quello di promuovere giovani artisti contemporanei.

Saranno anche due mondi apparentemente inconciliabili quello del calcio e dell’arte. Apparentemente. Chi è assiduo frequentatore di musei e mostre, difficilmente frequenta gli stadi. Chi è assiduo frequentatore di stadi, difficilmente frequenta mostre e musei.

Apparentemente. Allora perché semplicemente non andare incontro alle esigenze di entrambe le categorie?

Tanto che coloro che si presenteranno alla GAM con il biglietto della mostra allo Juventus Museum, avranno diritto all’ingresso ridotto e, allo stesso modo, i visitatori della GAM potranno accedere allo Juventus Museum con ingresso ridotto.

Correlato:  Gli italiani visti dalla televisione
Invasione di campo. Juventus Stadium (VS) GAM: apparentemente.
Invasione di campo. Juventus Stadium (VS) GAM: apparentemente.

Forse rappresenta un piccolo passo di avvicinamento. E in fondo nella misura in cui esistono i vivai di giovani talenti nel calcio, devono esistere gli stessi vivai anche per i giovani talenti artistici.

Ed ecco che da “apparentemente inconciliabili” si passa a “apparentemente conciliabili”.

Togliere l’avverbio “apparentemente”… è questione di un attimo, quasi un gesto atletico.

 

Juventus Museum – GAM Via Druento 153/42 – Torino

Orario mostra: lun-ven 10:30-19; sab-dom e festivi 10:30-19:30; chiusura il martedì.

Biglietto d’ingresso: €18 museo + stadium tour, € 12 solo museo, € 5 solo mostra.

I visitatori che si presenteranno alle casse dello Juventus Museum esibendo un biglietto della GAM avranno diritto alla tariffa ridotta (€15 museo+ stadium tour, €10 solo museo).

Allo stesso modo coloro che visiteranno la mostra allo Juventus Museum potranno entrare con ingresso ridotto alla GAM.

 

Giulia Copersito



Commenti

SHARE