Home Spor-to Benfica-Siviglia, scriviamo la “wikifinale”

Benfica-Siviglia, scriviamo la “wikifinale”

0
SHARE
Benfica-Siviglia, scriviamo la
Benfica-Siviglia, scriviamo la "wikifinale"

Una finale tutta iberica, quella di domani allo Juventus Stadium. Entrambe le squadre, Benfica e Siviglia, lotteranno per traguardi storici: i lusitani per infrangere la maledizione delle ultime sette finali europee perse, il Siviglia per realizzare la tripletta nella Coppa Uefa-Europa League, impresa riuscita solo a Inter, Juve e Liverpool finora.

Prima di tutto una notizia, di quelle senza le quali non potevate sopravvivere: sappiate che Lisbona è a circa 310 km da Siviglia. La distanza in linea d’aria tra la città spagnola e Torino è di circa 1400 km, mentre la capitale portoghese è a circa 1550 km.

E adesso una salva di curiosità (fonte: Uefa).  Il Benfica è la prima squadra a raggiungere una finale di UEFA Europa League senza sconfitte. Dopo l’eliminazione dalla fase a gironi di UEFA Champions League ha collezionato sei vittorie e due pareggi, mentre il Siviglia arriva dal terzo turno di qualificazione e disputerà la sua 19esima partita nel torneo. È la terza squadra ad aver seguito questo percorso dopo il Fulham FC, battuto in finale nel 2009/10, e il Club Atlético de Madrid, vincitore nel 2011/12.

Dopo Atlético (2009/10) e Chelsea FC (2012/13), il Benfica spera di diventare la terza vincitrice dell’Europa League sulle cinque finaliste provenienti dalla UEFA Champions League. Il Siviglia cerca di vincere la sua terza Coppa UEFA/UEFA Europa League. Finora ci sono riuscite solo tre squadre: Juventus (1976/77, 1989/90, 1992/93), FC Internazionale Milano (1990/91, 1993/94, 1997/98) e Liverpool (1972/73, 1975/76, 2000/01).

Poiché il 24 maggio ospiterà anche la finale di UEFA Champions League, l’Estádio do Sport Lisboa e Benfica potrebbe esporre per qualche giorno le due coppe europee per club più prestigiose in caso di vittoria del Benfica, squadra che ha segnato di più nella storia dell’Europa League: 68 gol in 37 partite.

Correlato:  "Giro d'Italia run" :24 ore e 218 km di corsa al Ruffini

Ancora sui portoghesi: il Benfica ha vinto il titolo portoghese il 20 aprile, e il 7 maggio ha battuto il Rio Ave FC in finale di Coppa di Lega; sfiderà lo stesso avversario in finale di Coppa del Portogallo il 18 maggio. Avendo raggiunto la finale delle due coppe nazionali portoghesi, il Benfica terminerà alla stagione con 57 gare ufficiali disputate, il suo totale più alto.

I lusitani saranno i quarti finalisti di UEFA Europa League proveniente dal Portogallo, mentre il Siviglia sarà la quarta spagnola. Nella storia della UEFA Europa League, tutte le altre finaliste sono arrivate da una sola nazione: l’Inghilterra, rappresentata dal Fulham nel 2009/10 e dal Chelsea nel 2012/13.

Il portiere Jan Oblak del Benfica potrebbe diventare il primo giocatore sloveno a partecipare a una finale di UEFA Europa League, oltre che il primo del suo paese a disputare una finale UEFA dopo Zlatko Zahovič del Valencia CF, sconfitto in finale di UEFA Champions League 2000/01.

L’ultimo sloveno a vincere la Coppa delle Coppe UEFA è stato Srečko Katanec con l’UC Sampdoria nel 1990.

Il nuovo Juventus Stadium ospita la sua prima finale europea. È la sesta volta che una finale UEFA viene disputata a Torino: Juventus e Torino FC hanno infatti giocato la finale di Coppa UEFA, mentre la Supercoppa UEFA 1984 è stata insolitamente disputata in gara unica nel capoluogo sabaudo

Il Siviglia potrà giocare questa finale con la rosa quasi al completo, potendo sfruttare la velocità e la freddezza sottoporta della rivelazione Bacca, i colpi del croato Rakitic accostato al Real Madrid, e le giocate del trequartista Reyes.

Quanto al Benfica, Lima è il capocannoniere con quattro reti in UEFA Europa League e una nella fase a gironi di Champions League, infatti ci si aspetta da lui una grandissima prestazione. A livello continentale, Óscar Cardozo del Benfica ha segnato più gol di tutti i giocatori ancora in gara in UEFA Europa League: 33 in 75 presenze.

Correlato:  Circa 50 ore al derby.

A cura di Andrea Besenzoni

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here