Home Innovazione PedalaTO: in bici tra i luoghi della Resistenza

PedalaTO: in bici tra i luoghi della Resistenza

0
SHARE
PedalaTO: in bici tra i luoghi della Resistenza
PedalaTO: in bici tra i luoghi della Resistenza

Dopo una Pasqua e Pasquetta piuttosto deludenti che ci hanno costretto a rimandare tutti i progetti di grigliate e gite fuori porta, possiamo ancora sperare in un weekend del 25 aprile che ci dia almeno uno spiraglio di sole.

Chi questo fine settimana rimarrà in città potrà sicuramente scegliere tra la varietà di eventi culturali e manifestazioni commemorative sul periodo della Resistenza, che daranno la possibilità di conoscere meglio anche la storia della città.

Tra queste, una in particolare permetterà di conoscere meglio la Torino dei tempi della Seconda guerra mondiale in un modo dinamico e adatto a tutti grazie a PedalaTO, un tour in bicicletta che offrirà ai partecipanti un intinerario che tocca i luoghi torinesi più simbolici del periodo della Resistenza.

L’evento si terrà domenica 27 aprile a con partenza da Piazza Castello alle 10.30 e ritorno nello stesso punto alle 13.00.

Non si tratterà solo di esercizio fisico però: durante il percorso sono state programmate anche delle soste per ripercorrere le tappe principali della storia della Torino fascista e della Resistenza legate ai luoghi toccati dall’itinerario.

L’idea di dedicare un tour agli avvenimenti del 25 aprile è dell’associazione Anemos Itinerari del Vento, che si occupa di organizzare diverse attività legate al mondo del ciclismo, dalle escursioni, ai corsi di meccanica e manutenzione delle biciclette, alle attività per ragazzi.

Nel 2012 l’associazione ha poi creato PedalaTO, un servizio di visite guidate in bicicletta patrocinato dalla Città di Torino: ogni visita è guidata da un accompagnatore fornito dall’associazione che, a seconda del tema dell’itinerario, guida i partecipanti attraverso le bellezze e le curiosità storiche, culturali ed enogastronomiche della città e dintorni.

Correlato:  B.U.NE.T.: Torino salta in sella

Anemos, Itinerari del vento

È possibile iscriversi o attraverso il sito di Anemos o sul posto fino a poco prima della partenza e ovviamente si può partecipare con la propria bici.

Gli organizzatori, però, hanno pensato anche ai turisti e a chi non vive vicino al centro città: c’è anche la possibilità, infatti, di noleggiare una delle bici dell’associazione, così da non avere il problema di portare la propria. Un’opportunità di riscoprire la propria città e di sentirsi, anche se solo per due ore, turisti per le strade che percorriamo ogni giorno.

Erika Guerra

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here