Home Spor-to 24 ore di Torino: Ready, set…Go!

24 ore di Torino: Ready, set…Go!

6
SHARE
24 ore di Torino: Ready, set...Go!
24 ore di Torino: Ready, set...Go!

Ai nastri di partenza l’edizione 2014 della 24 Ore di Torino, giunta alla sesta edizione. La prova internazionale di corsa su strada endurance in programma al Parco Ruffini sabato 12 e domenica 13 aprile 2014 (partenza e arrivo alle ore 10) è organizzata dall’Asd Il Giro d’Italia Run e costituirà una sorta di “prova generale” in vista dei mondiali di 24 Ore in programma a Torino l’11-12 aprile 2015 (altro evento legato a Torino 2015 Capitale Europea dello Sport.

Una sorta di prova generale, quindi. Queste le regole: vince chi in un giorno intero, cioè 24 ore consecutive, percorre più chilometri di corsa su un percorso di 1,420 km (misurato e omologato FIDAL) tracciato lungo i viali
alberati del parco. Spiegano gli organizzatori: “La 24 Ore, appuntamento entrato di diritto nel panorama dell’ultrapodismo internazionale, è un inno alla fatica, una sfida contro il limite umano, un appuntamento imperdibile per i temerari ultrapodisti e per chi vuole assistere a una spettacolare vicenda di sport e determinazione”.

Oltre alla prova classica sulle 24 ore, sono previste anche formule ridotte, su 6 ore oppure su 100 chilometri, accompagnate dall’appassionante alternarsi dei partecipanti alla gara a staffette.

In una start list in continua evoluzione, con una quota rosa che si attesta intorno al 30% degli iscritti, si segnalano molte presenze di atleti stranieri, in arrivo da Germania, Svezia, Irlanda, Svizzera, Francia, Romania, Argentina e Brasile. Diverse presenze importanti al via della 24 ore con otto atleti con personali al di sopra dei 210 Km.

Tra questi il romeno naturalizzato italiano Vasile Frigura (Cicciano Marathon), già campione italiano nel 2011 a Fano e nel 2013 proprio a Torino (con 202 km all’attivo, quasi cinque maratone consecutive, in linea d’aria la distanza che separa Torino da Parma), lo svedese Christian Ritella (Team UltraSweden) forte di un primato personale di 233,605 km, il tedesco Jens Hilpert  (TUS Masseheim), già vincitore della 24 Ore di Torino nel 2012, oltre al pinerolese Osvaldo Beltramino (Volare Pinerolo), al genovese Massimo Petruzzelli (Maratoneti Genovesi), al vicentino Remo Lavarda (Terzo Tempo Team) e Antonio Mamoli (Croce d’Oro Prato).

A dare loro battaglia il toscano Michele Evangelisti (Triangolo Sport Langhe Monferrato Roero) e il napoletano Ciro Di Palma (Atletica Reggio), rispettivamente primo e terzo alla 6 Ore di Torino ospitata lo scorso 16 marzo da Recordando, oltre a un altro agguerrito esordiente, il verbanese Nerino Paoletti (Maratolandia), già primo sul traguardo della 100 Km delle Alpi del 2011.

Ovviamente c’è anche una corsa femminile, che vede favorita l’azzurra Maria Ilaria Fossati (Road Runners Club Milano), terza alla 24 Ore di Torino del 2011, che se la vedrà soprattutto con Sonia Lutterotti (Garda Sport Events) quinta alla 100 Km delle Alpi dello scorso anno, con la svedese Ann Ritella (Team UltraSweden), con Daniela Ubertalli (Gs Ermenegildo Zegna) e con la piemontese Giancarla Agostini (Gruppo Città di Genova), vincitrice della 24 Ore di Torino del 2012 nonché accreditata di un personal best sulla distanza superiore ai 180 km.

Logo 24 Ore 2012 def

Corsa, ma anche solidarietà: la sesta edizione della 24 Ore di Torino è idealmente gemellata con la terza edizione di “Run for Parkinson’s”, corsa non competitiva organizzata dall’Associazione Italiana Parkinsoniani A.I.P – Sezione “G. Cavallari” di Torino e dall’A.A.P.P. Associazione Amici Parkinsoniani Piemonte. La manifestazione andrà in scena domenica 13 aprile 2014 presso lo Stadio Primo Nebiolo del Parco Ruffini. Il via è alle ore 10, e cioè nel preciso istante in cui scadranno le 24 ore di fatica degli ultramaratoneti.

“Si tratta del più grande evento al mondo dedicato a questa malattia, quest’anno infatti sono ben 10 le nazioni coinvolte, tra cui l’Italia, che vede più di 40 città impegnate con già 50.000 iscritti, un numero sicuramente destinato a salire. La partecipazione è libera e non competitiva: tutti possono partecipare secondo le proprie possibilità, correndo o camminando, con l’obiettivo di promuovere la consapevolezza sul Parkinson a livello mondiale e dimostrare solidarietà verso i malati e i loro familiari che, con la diagnosi, hanno visto trasformarsi in una continua corsa a ostacoli la propria vita”

RoveraBarnesTallarita

“I chilometri percorsi individualmente dai partecipanti – camminando, marciando o correndo – si sommeranno, perché, come recita lo slogan della manifestazione, “insieme” possiamo stabilire un record assoluto: correre la distanza che separa la Terra dalla Luna. In questo senso, tutti i chilometri percorsi dagli ultramaratoneti iscritti alle
prove individuale o a squadre della 24 Ore di Torino (24 ore, 100 km e 6 ore) verranno “regalati” all’Associazione Italiana Parkinsoniani A.I.P da una madrina d’eccezione come Francesca Canepa,vicecampionessa mondiale ISF Ultra Trail.”

A cura di Andrea Besenzoni – fonte: http://www.giroitaliarun.it/

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here