Home Cronaca di Torino 8000 buone ragioni per scegliere il sant’Anna

8000 buone ragioni per scegliere il sant’Anna

129
SHARE
8000 buone ragioni per scegliere il sant'Anna
8000 buone ragioni per scegliere il sant'Anna

Dove posso mangiare una buona pizza? Dove servono i cocktail migliori? Qual’è la libreria più fornita? Dove sono i concerti più interessanti? Qual è lo scorcio più affascinante? Se rivolgete una di queste domande ad un torinese, le risposte saranno le più diverse, a seconda dei gusti e delle inclinazioni di chi vi risponde.

Ma se chiedete un consiglio sul reparto di ostetricia più indicato dove far nascere il vostro bambino, con ogni probabilità vi sarà detto che non c’è posto migliore di quello del Sant’Anna.

Lo svela un’indagine che, a fine 2013, ha stabilito come più di 8.000 persone abbiano optato per questa struttura per dare alla luce il proprio pargolo.

Una scelta dettata in parte dall’onnipotente passaparola ed in parte dalle statistiche, che mostrano come in questo ospedale si prediliga il ricorso al parto naturale, dato che l’incidenza del cesareo si attesta sul 18,31% dei casi a fronte di una media nazionale del 26,27%.

santanna

Giudizi molto lusinghieri sono attribuiti anche all’intera assistenza pre e post parto: lo si può desumere dai numerosi forum presenti in rete, dove le neo mamme si scambiano pareri sull’esperienza vissuta, dando preziosi consigli a chi è ancora indeciso e rivolgendo accorati ringraziamenti ai medici ed agli infermieri che hanno accompagnato, con professionalità e gentilezza, un momento così importante della loro vita.

Altre due strutture ospedaliere della provincia torinese raccolgono pareri altrettanto positivi: l’Ospedale Santa Croce di Moncalieri e l’Ospedale Maggiore di Chieri, anch’essi decisamente orientati verso il parto naturale, senza disdegnare epidurale e cesareo nei casi in cui si rivelino necessari.

Santacroce

Dall’anno scorso è attivo il sito Dove e Come Mi Curo (www.dovecomemicuro.it), un vero e proprio portale che consente di individuare le migliori strutture ospedaliere presenti nella regione/provincia di appartenenza che trattano le malattie correlate al problema di salute indicato nella ricerca.

Un sorta di “Tripadvisor” della sanità dunque, frutto del lavoro di due anni da parte di un gruppo di ricercatori, con la supervisione di un Comitato Scientifico di valore internazionale e che si basa su criteri di valutazione universalmente riconosciuti: efficacia, sicurezza, appropriatezza e competenza.

Inserendo “parto” nella sezione ricerca e Piemonte/Torino nei menu a tendina, si ha una sostanziale conferma di quanto detto sopra.: accanto al Sant’Anna ed al Santa Croce troviamo indicazioni decisamente buone anche per il Maria Vittoria di Torino, il Civico di Chivasso ed il Presidio Riunito di Ciriè e Lanzo Torinese.

La scelta dunque è piuttosto ampia, a testimonianza del fatto che il sistema sanitario piemontese non è messo poi così male. Per tutto il resto c’è Tripadvisor.

Edoardo Ghiglieno

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here